Massaggio gua sha: cos’è, come funziona?

Lo stress, il lavoro, la vita sedentaria. Sono tutti fattori che possono portare ad una serie di tensioni muscolari che provocano dolori e fastidi vari. Spesso per combattere questo genere di problema la soluzione migliore è affidarsi ad un massaggio

Negli ultimi anni anche in Europa ed in Italia sta dilagando la moda del Gua Sha, un antico massaggio giapponese considerato nella medicina orientale un vero e proprio trattamento curativo.

Il Gua Sha prevede una serie di raschiamenti sulla pelle, da fare con una specifica spatolina di giada o di legno. Può essere praticato su tutte le zone dolenti del corpo e anche sul viso. I movimenti devono seguire un verso ben preciso e non sono mai casuali. Per questo è importante affidarsi ad un massaggiatore esperto, che conosca bene la tecnica. Bisogna considerare, infatti, che gli sfregamenti lasciano sulla pelle segni rossi molto evidenti che scompaiono entro 48 ore.


Il massaggio gua sha è molto utilizzato per la zona del viso. Naturalmente, agendo questa tipologia di massaggio sui linfonodi, uno degli aspetti positivi più importanti è quello legato agli occhi gonfi e stanchi. E anche al gonfiore del viso dovuto a un cattivo sistema linfatico. Il massaggio attiva i muscoli e stimola l’intero sistema, grazie ai movimenti effettuati dal centro del viso verso l’esterno.

L’organismo si libera dalle tossine e viene purificato. Le rughe e i segni d’espressione risultano minimizzati o addirittura eliminati. La pelle appare più tonica, in quanto il massaggio Gua Sha previene, tra le altre cose, anche il rilassamento cutaneo tipico dell’avanzare dell’età. Il viso diventa più luminoso e la grana della pelle si mostra più uniforme, le imperfezioni tipiche delle pelli impure e acneiche si riducono, così come eventuali macchie scure e vecchie cicatrici.

Inoltre il massaggio gua sha migliora la circolazione capillare e quindi l’ossigenazione dei tessuti. È ottimo per curare la cervicalgia, la dorsalgia, la lombalgia, i dolori muscolari, l’emicrania e tutte le nevralgie. Ha azione antinfiammatoria, che lo rende utile in caso di malattie infiammatorie, nevralgia post-erpetica e fibromialgia. Infine, stimolando la circolazione capillare, il massaggio Gua sha è ideale anche per migliorare l’aspetto della pelle, soprattutto in caso di pelle spenta, secca e priva di tono.

Come si effettua il massaggio gua sha

Ovviamente per la buona riuscita del massaggio gua sha vanno utilizzati determinati prodotti come il rullo di giada. Soprattutto per quanto riguarda il viso. Il massaggio, infatti, si basa sulla cristalloterapia e permette, oltre ad alleviare le tensioni, di favorire la circolazione sanguigna, quindi la pelle del viso apparirà decisamente più rilassata e tonica, stimola il drenaggio linfatico, l’elasticità della pelle e riduce le rughe. I rulli, che hanno la forma di un pesciolino, possono essere raffreddati o riscaldati per realizzare diversi tipi di massaggio e possono essere utilizzati più volte a settimana per 10-15 minuti. Il rullo più grande serve per lavorare sulle guance, sul collo, sulle mascelle e sulla fronte, ma anche sulla testa, sulla schiena, sulle braccia, sulle gambe e sui glutei, mentre quello più piccolo è indicato per massaggiare la zona intorno alla bocca, al naso e agli occhi. Si appoggia sulla pelle creando un angolo di 15 gradi e lo si direziona dal centro del viso verso l’attaccatura dei capelli, poi verso il collo.

Il nostro canale Wellness QUI