Dal 22 aprile parte la Turin Restaurant Week 2019

Turin Restaurant Week 2019: una settimana a tutto food

Dal 22 al 28 aprile va in scena la seconda edizione di Turin Restaurant Week, la “settimana dei ristoranti”: 600 menu in 8 giorni distribuiti su 46 indirizzi

I protagonisti della Turin Restaurant Week 2019 saranno gli antipasti tipici. Dal vitello tonnato alle cipolle ripiene di zucca e amaretti, ci sarà davvero da leccarsi i baffi. In totale sono 46 i ristoranti che aderiscono a questa iniziativa eno-gastronomica alla sua seconda edizione. Turin Restaurant Week dura una settimana intera, in cui poter assaporare i piatti della tradizione tra ricette classiche e rivisitazioni.

Tra piatti prelibati e tante golosità

Per tutti gli appassionati di food è un modo per conoscere tutte le bellezze della città di Torino e scoprire le sue qualità da Capitale del Gusto. Con un menu a prezzo fisso (30 euro, comprensivo di acqua, caffè e coperto), i 46 ristoratori proporranno la cucina della tradizione con abbinamenti ai vini della selezione Torino Doc. Si tratta di ben sette denominazioni di origine, tutte etichette di produzioni locali di alta qualità e forte identità territoriale. Il menu prevede un gran piatto di antipasti, ben cinque assaggi a scelta, un primo piatto tipico a scelta del ristoratore, un dessert e un calice  di vino.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

In autunno saranno protagoniste le nobili carni piemontesi

Dal 28 ottobre al 3 novembre, in corrispondenza con i grandi eventi di arte contemporanea, Turin Restaurant Week si ripropone con un focus sulle carni piemontesi. I ristoranti aderenti proporranno un menu composto da un primo piatto tipico a scelta del ristoratore, un secondo piatto di carne (dal brasato al bollito, passando per la trippa e lo stracotto di Fassone), un dessert, un calice di vino della selezione Torino Doc, acqua, caffè e coperto a 35 euro a persona.

Insomma, Torino si conferma davvero essere una delle città più importanti per il food e non a caso Alberto Sacco, assessore al Commercio ha dichiarato: “Il cibo è per la nostra città un motore turistico ed economico. Ma soprattutto il cibo è cultura. Con il Monferrato, le Langhe e il Roero, Torino è il capoluogo di una terra Patrimonio dell’Unesco“.

Scopri anche:

Seeds&Chips: a Rho, il summit sulla food innovation
Pasqua e Pasquetta alla Cascina Barbesina
Mama Eat, cucina romana-napoletana dove ogni piatto è anche gluten free