La Settimana del Cervino e il Cervino in estate

Il fascino della montagna d’estate: storia, camminate, festival cinematografici, eventi outdoor per grandi e piccini. La bellezza di una vacanza formato famiglia per vivere la natura del Cervino anche quando non si scia

Vento d’estate… io vado al mare, voi che fate? La domanda la ponevano Gazzè e Fabi in una hit estiva di qualche anno fa e la risposta, senza dubbio, è chiara adesso, dopo aver vissuto il Cervino in estate. Si va in montagna, in Valle d’Aosta, Valtournenche, Breuil-, ai piedi della Gran Becca.

Si è svolta, dal 15 al 21 luglio scorso, la Settimana del Cervino, evento organizzato dal Comune di Valtournenche per incentivare la frequentazione della località, ambita da chi ama gli sport sulla neve, anche in estate. Un programma ricco di appuntamenti che ha proposto escursioni a piedi, in mountain bike o a cavallo, prove di golf, giochi in piscina, lezioni di yoga. Lezioni di sci e di snowboard. Esposizioni, incontri letterari, appuntamenti con gli artisti dell’artigianato tipico della tradizione valdostana.


Un palinsesto che vuole convincere i turisti a recarsi in una delle conche naturali più belle delle Alpi per sfuggire dal caldo cittadino. In uno scenario naturale di tale bellezza a cui, per tutta l’estate, è davvero difficile resistere. Complice il fascino e i colori magnetici della montagna in questa stagione, che non smettono mai di stupire.

Un appuntamento da ripetere ancora

La vetta del Cervino, dal versante italiano, è stata conquistata 154 anni fa – afferma il sindaco di Valtournenche, Jean Antoine Maquignaz -. Da allora, la nostra comunità dedita all’allevamento è diventata punto di riferimento del turismo internazionale. Tutto l’anno per lo sci (grazie al ghiacciaio di Plateau Rosa e alle sue nevi eterne), in estate grazie all’alpinismo e all’escursionismo“.

Tra i protagonisti d’eccezione, Hervé Barmasse, alpinista leggendario, guida alpina, divulgatore, scrittore – leggete qui la nostra intervista – è un volto simbolo con il quale scoprire una destinazione ricca di proposte, per grandi e piccini. È lui a garantire il ritorno, per l’anno 2020, della Settimana del Cervino, dopo il successo di questa prima edizione. “Si svolgerà a cavallo tra il 14 e il 17 luglio, due date simbolo, quelle delle due prime salite dal versante svizzero e italiano verso la cima del Cervino“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Hervé Barmasse (@hervebarmasse) in data:

Un’intera stagione (estiva) di eventi

Gli appuntamenti non sono finiti. Dopo l’acquolina in bocca per la settimana di eventi (e per le specialità tipiche della zona, #provatepervoi), continuano i mercati estivi, il mercato agricolo, il mercato dell’artigianato. Le mostre di pittura. Nordic walking per avvicinarsi alla disciplina, passeggiate con guide escursionistiche, appuntamenti sportivi. Show cooking come quello in calendario il 2 agosto, a Valtournenche, con i mercatini di prodotti agroalimentari e le ricette dello chef Danilo Salerno con i prodotti del territorio, a chilometro zero.

La festa degli alpini, le serate danzanti per i più giovani, gli appuntamenti di street food sotto le stelle (Maën, il 10 agosto). Eventi musicali come gli aperitivi in concerto, il festival in alta quota del 9 agosto a Breuil-Cervinia, il concerto jazz del 16 agosto a Valtournenche. Il tutto a stretto contatto con i protagonisti del territorio che, con le loro parole e il loro profondo legame con quella terra (glielo si legge negli occhi) riescono a trasmettere a cittadini e turisti tutto il fascino del Cervino illuminato dai raggi del sole estivo.

A questo link la possibilità di conoscere tutti gli appuntamenti estivi e il calendario completo.

Cervino CineMountain, per gli appassionati di cinema

Un appuntamento da segnare in agenda. Il Cervino CineMountain è il festival del cinema di montagna più alto d’Europa, giunto alla XXII edizione. Una settantina di pellicole, una trentina di anteprime, dieci giorni con più di 30 ore di proiezioni. Dal 3 all’11 agosto a Cervinia e Valtournenche, ma anche Antey, Chamois e Torgnon. Una grande sala cinematografica itinerante e incastonata tra le vette del Cervino, per partire alla scoperta dell’avventura e dell’immaginazione.

Tante le storie proposte sul grande schermo. La montagna come ostacolo da affrontare, come limite da superare, come sfida. Le vite e le culture dei popoli che abitano quelle vette maestose, il cambiamento climatico che ne riduce gli spazi. E quindi la presenza degli alpinisti Hervé Barmasse, Fausto de Stefani e Luca Albrisi, il nivologo Michele Freppaz e la biologa marina Maria Sole Bianco per analizzare cause e conseguenze del rapido cambiamento climatico. Oppure ancora Erri de Luca e Nives Meroi e le loro montagne del silenzio.

Storie di vita vissuta. Come quella di Kurt Diemberger e di Tarcisio Bellò, sopravvissuto a una valanga che lo ha travolto insieme ad altri 4 italiani, a più di 5mila metri di altezza, nel distretto di Ghizer, in Pakistan, lo scorso giugno. Per il programma completo e per maggiori informazioni: cervinocinemountain.it.

Informazioni utili

Dove dormire
Les Neiges d’Antan (Fraz Cret De Perreres, 10, 11021 Cervinia)

Dove mangiare
Rifugio Oriondé Duca degli Abruzzi
Royaume du Cervin

Come arrivare
Breuil-Cervinia si trova in Valle d’Aosta, in cima alla valle di Valtournenche. In auto è facile da raggiungere percorrendo l’autostrada A5 Torino-Aosta. Uscire a Châtillon/Saint-Vincent, continuare sulla regionale in direzione Cervinia per 28 chilometri. Valtournenche si trova 19 chilometri dopo Châtillon e 9 prima di Breuil-Cervinia. Da Milano, il viaggio dura circa due ore e mezza.

Per chi viaggia in treno, la stazione ferroviaria più vicina è quella di Châtillon/Saint-Vincent. Da Châtillon, così come da Milano, è attivo un servizio di autobus di linea da/per Breuil-Cervinia Valtournenche.

Scoprite QUI il nostro canale Outdoor
Con Hervé Barmasse alla scoperta della montagna perfetta