Alla scoperta del Lago Maggiore con gli itinerari di Navigazione Laghi

Navigazione Laghi propone una serie di itinerari per tutta la famiglia, alla scoperta del Lago Maggiore a bordo dei battelli

Navigazione Laghi, fino al 13 ottobre, propone una serie di itinerari alla scoperta del Lago Maggiore. “È il luogo più voluttuoso che io abbia mai visto al mondo. La natura incanta con mille seduzioni sconosciute e ci si sente in uno stato di rara sensualità e raffinatezza”. È così che lo descrive Gustave Flaubert. E non si sbaglia. Difatti, il lago di origine glaciale è il punto di incontro tra Lombardia, Piemonte e Svizzera. Le colline e i rilievi che lo circondano, inoltre, non solo rendono il clima mite, ma ne avvalorano la bellezza paesaggistica. Navigazione Laghi propone diversi percorsi per tutta la famiglia da non perdere, per andare alla scoperta dei luoghi sconosciuti o più affascinanti del bacino di origine glaciale. Ecco quali sono.

Da Arona, Stresa o Carciano alle isole del golfo Borromeo con Navigazione Laghi

Con il Biglietto due isole si possono raggiungere l’Isola Bella e l’Isola dei Pescatori. La prima, un tempo “scoglio rozzo habitato da cinquanta famiglie”, oggi è uno dei più importanti esempi di architettura barocca. Creato da Carlo III il Borromeo a metà Seicento come omaggio alla moglie Isabella, inizialmente prende il nome della donna e solo dopo quello che conosciamo noi oggi. Dopo questa prima tappa, in pochi minuti, il battello di Navigazione Laghi conduce i visitatori all’Isola dei Pescatori, chiamata anche Isola Superiore. Qui si può ammirare un borgo antico di pescatori, dalle stradine strette e dai sottopassi suggestivi.


Stresa – Villa Taranto

Chiamata la “Perla del Verbano”, Stresa è una delle più rinomate località italiane. Punto di partenza di Navigazione Laghi verso tutti i luoghi che si affacciano sul Lago Maggiore, da qui si possono effettuare molteplici itinerari. Partendo da Stresa, si può ammirare il golfo Borromeo con le isole Bella, Madre e dei Pescatori. Tra gli altri, da non perdere, l’itinerario che, passando per Baveno, arriva a Villa Taranto.

Baveno è un centro ricco di storia, tradizioni e cultura, oltre che luogo di villeggiatura riconosciuto a livello internazionale. Da qui, in soli 25 minuti è possibile raggiungere Villa Taranto. Da segnare in agenda, una visita ai Giardini Botanici: un parco all’inglese che conta oltre mille piante non autoctone e oltre 20mila varietà e specie di grande valenza botanica. Quest’immensa oasi verde, arricchita da fontane, terrazze e stagni, nel 2014 vanta la nomina di “Giardino più bello del mondo” sulla classifica stilata da The Needs. 

Lago Maggiore Express con Navigazione Laghi

Tra tutti gli itinerari proposti il più completo risulta essere quello che può iniziare da qualsiasi località situata lungo il percorso e che ha una durata di uno o due giorni, in base alla scelta dei visitatori. Le moderne motonavi della Gestione Navigazione Laghi, infatti, permettono di attraversare tutto il lago e di poter ammirare le Isole Borromee, i Castelli di Cannero e le Isole di Brissago, per poi raggiungere Locarno in Svizzera.

Nel programma dell’escursione è compreso anche il pranzo al bordo del battello e la visita del territorio compreso tra Locarno e Domodossola a bordo del trenino delle Ferrovie delle Centovalli e della Valle Vigezzo. Nella cornice di posti romantici e incontaminati è possibile ammirare cascate, ruscelli, boschi selvaggi, vigneti e piccoli villaggi sui pendii delle montagne. La leggendaria tratta del Simpion Orient Express permette di arrivare dalle Alpi al Lago Maggiore, passando per Baveno, Stresa e Arona.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Svizzera dall’Italia: Locarno, Ascona, Brissago

In soli 40 minuti, Navigazione Laghi permette di raggiungere la Svizzera. L’aliscafo effettua infatti un percorso che, appena superato il confine, consente di raggiungere Brissago il cui fiore all’occhiello sono le due isole. La prima, l’Isola di San Pancrazio, ospita il rinomato parco botanico del Canton Ticino e un palazzo rinascimentale, luogo di mostre e di iniziative culturali. Nella seconda, invece, chiamata Isola di Sant’Apollinaire, è possibile visitare la chiesetta romanica risalente al XII secolo nascosta tra la rigogliosa e fitta vegetazione.

L’aliscafo prosegue raggiungendo Ascona, famosa per il notevole patrimonio artistico. Il comune svizzero è ricco di reperti storici di origine medievale e rinascimentale e ospita molteplici eventi culturali.
Infine, superato il promontorio e il fiume Maggia, la corsa termina a Locarno, luogo del Festival del Cinema (quarto per importanza a livello mondiale), dove è possibile fare passeggiate verso le valli e le alpi o lungo il lago.

Ai mercati di Luino, Cannobio e Intra in aliscafo

Navigazione Laghi organizza i propri servizi anche per visitare i mercati del territorio. Il più rinomato è indubbiamente quello di Luino del mercoledì. Risalente al 1541 e istituito con decreto imperiale, vanta la cornice di un paesaggio naturale suggestivo e infrastrutture efficienti.

La seconda tappa, invece, è Cannobio, la domenica: qui le rive montuose si specchiano nell’acqua dello stretto tratto di lago sul quale si affaccia la località. Ultimo ma non per importanza, Intra. La passeggiata sul lungolago è d’obbligo per arrivare ai giardini situati alla foce del torrente San Giovanni con vista sulla parte lombarda del Lago Maggiore.

Laveno – Intra: le due sponde unite

Un’altra opportunità offerta da Navigazione Laghi è quella che conduce a Laveno, l’unico porto naturale sulla sponda orientale del Lago Maggiore. Luogo di un’importante rassegna musicale, nel periodo natalizio ospita il presepe sommerso e in quello estivo è famoso per i fuochi pirotecnici di Ferragosto. Da qui, grazie ai frequenti traghetti per autoveicoli di Navigazione Laghi – in funzione dalle 5 del mattino fino all’una di notte – è possibile arrivare a Intra, dalla quale si può proseguire in battello alla volta delle Isole Borromee.

Per ulteriori informazioni, prenotazioni e il programma completo, consultare il sito.