Le cinque nuove Bandiere Arancioni del Touring Club

Il Touring Club Italiano premia le eccellenze italiane. L’Associazione assegna cinque nuove Bandiere Arancioni, per ripartire proprio dai borghi dell’entroterra del nostro Paese

Il Touring Club Italiano, associazione privata non profit che si prende cura dell’Italia come bene comune, assegna cinque nuove Bandiere Arancioni. Si tratta del prestigioso riconoscimento per i piccoli borghi italiani eccellenti dell’entroterra italiano.

I nuovi certificati, che portano a 252 il totale di Bandiere Arancioni distribuite in tutta Italia, sono Introd, piccolo centro situato ai piedi del Parco Nazionale del Gran Paradiso in provincia di Aosta. Valeggio sul Mincio in provincia di Verona localizzato nell’anfiteatro naturale delle colline moreniche. Levico Terme in provincia di Trento sulle sponde dell’omonimo lago. Roccamandolfi, centro montano ai piedi del massiccio del Matese in provincia di Isernia. Infine, Castelmezzano, piccolo centro medievale, all’interno del Parco Naturale Regionale di Gallipoli, Cognato, Piccole Dolomiti Lucane in provincia di Potenza.


Con l’assegnazione di questi nuovi riconoscimenti, il Touring Club Italiano conferma l’impegno nel prendersi cura dell’Italia come bene comune perché sia più conosciuta e attrattiva. E, nonostante il grave contesto di incertezza determinato dall’emergenza sanitaria, vuole contribuire alla tutela e valorizzazione dei territori. Una volta superate le criticità attuali, il rilancio del nostro Paese potrà partire allora anche dai piccoli borghi eccellenti d’Italia. Piccoli borghi che un giorno, presto, potremmo di nuovo apprezzare e visitare.

Accoglienza, sostenibilità ambientale, tutela del patrimonio artistico e culturale. Questi sono solo alcuni dei valori dei borghi in questione. Sono ospitali e accolgono visitatori e turisti con entusiasmo. Ricchi di tradizioni, ancora vive. Tutelano il patrimonio locale e animano i territori attraverso l’organizzazione di eventi e manifestazioni.

Leggi anche:

I borghi più belli della Lombardia, ecco quali sono