Giovani si divertono a un party

I quarantenni? Viaggiano alla ricerca di feste e movida molto più dei ventenni

Ventenni, fatevi da parte: a guidare l’esercito degli amanti di party e movida ci sono persone che hanno il doppio dei vostri anni!

Trentenni e quarantenni con meno voglia di movida dei ventenni? È un luogo comune. A confermarlo è un’indagine condotta da eDreams, l’agenzia di viaggi leader in Europa che ha coinvolto 13mila persone da Italia, Francia, Spagna, Regno Unito, Portogallo, Stati Uniti, Svezia e Germania. Contrariamente a quanto si possa pensare, la fascia d’età dei 30-40enni supera infatti i più giovani nella scelta di destinazioni famose per la vita notturna. Ecco la ricerca più nel dettaglio.

Italia: tra i ventenni cresce l’interesse per la cultura

I ventenni italiani, pur continuando ad apprezzare le destinazioni con una movimentata vita notturna, sono sempre più orientati verso la sperimentazione di nuove attività: il 36% non andrebbe mai in vacanza solo per feste e discoteche, mentre il 35% si interessa a mostre d’arte e il 43% è orientato verso il turismo enogastronomico. Al contrario il 42% degli over 30, oltre ad essere stati festaioli in passato, sceglie ancora la meta della propria vacanza con l’obiettivo di divertirsi.


In effetti, l’attuale fascia 30-40enni, in passato, ha manifestato uno spiccato interesse per le Isole Baleari, in particolare Ibiza, e per altre mete spagnole come Barcellona, mentre tra le nuove generazioni raddoppia la percentuale di viaggiatori interessati a mete con un’ampia offerta culturale, dalla Tanzania a Stoccolma.

Giovane viaggiatrice scopre posti nuovi
Giovane viaggiatrice alla scoperta del mondo con zaino e cartina @shutterstock

Gli over 30 spagnoli sono tra i più viveur al mondo, gli inglesi i più “intellettuali”

Se tra le nuove generazioni aumenta il numero di chi sceglie di spostarsi per visitare mostre d’arte (25% contro il 21% del passato) o dedicarsi ad attività all’aria aperta (30%), oggi la fascia degli over 30 risulta essere ancora la generazione più affezionata alla movida vacanziera. Tra i vari Paesi emergono però differenze con alcune nazionalità che spiccano come le più “festaiole”: a livello internazionale sono gli spagnoli a salire sul podio dei più mondani, seguiti da italiani e francesi, che distanziano molto Germania, Svezia e America.

In particolare, gli inglesi risultano in controtendenza in Europa, perché preferiscono orientare le proprie scelte di viaggio in base alle attività culturali che la destinazione offre. Solo tra i più giovani si registra un interesse maggiore per le mete della movida, ma anche in questo caso il dato risulta basso: il 27% dei ventenni ha scelto la meta del proprio viaggio in base alla vita notturna. La percentuale cala dai 30 in avanti, posizionando l’UK come il Paese più “acculturato” al mondo.

Scopri anche:

Estate a Milano, gli eventi da non perdere in città
A Maiorca per un bagno di sole, mare e… arte
Agosto milanese, i locali che non vanno in ferie