Briscola raddoppia: due nuove location per la Pizza Society

Continua il fenomeno del #piazzasharing di Briscola – Pizza Society, che apre due nuove location, alla conquista di una Milano sempre più emblema del food e del design

La firma dell’architetto Fabio Novembre e il format di Francesco Trapani – ex CEO Bulgari – toccano due zone iconiche di Milano: così Briscola – Pizza Society continua il suo percorso di crescita, prospero fin dal 2015, quando gli è stato conferito il premio di miglior pizzeria italiana.

Piazza Duomo, cuore della città (in Via Marconi, ang. via Dogana) e Porta Nuova (Viale della Liberazione, 15), simbolo di modernità e dinamismo: sono queste le zone di Milano che vengono reclamate dalla pizzeria, che ha già in programma di estendersi anche al di fuori del Bel Paese, mettendo radici nell’elegantissima Londra.

l #pizzasharing permette di provare diverse "pizzine" in un'unica portata.
l #pizzasharing permette di provare diverse “pizzine” in un’unica portata

#pizzasharing: il gusto di Briscola è condiviso

Oltre al look non convenzionale e in linea con lo spirito della città meneghina, il vero punto di forza di Briscola – Pizza Society è la rottura del concetto di pizzeria tradizionale e dei cardini di degustazione della pizza classica.

Si chiama #pizzasharing il principio su cui si fonda il servizio offerto, ovvero la possibilità di scegliere una coppia di pizzine dal diametro ridotto – dai 18 ai 20 centimetri – permettendo di provare più combinazioni, all’insegna della sperimentazione e della condivisione con gli amici.

Particolari e innovativi anche i gusti e l’abbinamento degli ingredienti. Noi di Milanodabere.it consigliamo la pizza Zucca (con mozzarella, crema di zucca, castagne e salvia, 6 euro) e la pizza Mortadella (mozzarella, mortadella IGP e pesto di pistacchio, 6 euro).

Non mancano le pizze più tradizionali, come l’amatissima Margherita (5 euro), la Siciliana (con mozzarella, pomodori, capperi, olive e mandorle, 6 euro) e la Calabrese (pomodoro San Marzano DOP, mozzarella fior di latte, cipolla rossa, pomodori secchi e nduja calabrese, 6 euro).

Briscola si caratterizza anche per l’attenzione che presta al prodotto finale, utilizzando farine di qualità prive di imbiancamento artificiale e una lievitazione di almeno 24 ore, garantendo un’elevata digeribilità e una cottura priva di fuliggine.

Briscola – Pizza Society riesce a unire il tradizionale con l’innovativo. Il concept di pizza napoletana si fonde in un ambiente caldo e contemporaneo, paragonabile a una confraternita, a una società segreta – come richiama ironicamente il trangolo a mo’ di pizza dell’insegna e il motto ricorrente “In pizza we trust” – dove l’elemento sharing diventa protagonista, rievocando il vero significato dello stare a tavola: la compagnia.

Dove
Briscola - Pizza Society
Continua inarrestabile il fenomeno del #piazzasharing di Briscola - Pizza Society, che apre due nuove location a Milano, in Duomo e Porta Nuova