Alessandro Servida arriva a Milano: tra dolci mignon e colazioni relax

Alessandro Servida inaugura la sua prima pasticceria in città, adottando un format polifunzionale: dolci al banco ma anche somministrazione al tavolo

Da Pantigliate a Milano la distanza è breve. Una vicinanza che adesso ha il sapore delle golosità firmata dal pasticcere Alessandro Servida, milanese, classe 1972 e maestro Ampi (Accademia Maestri Pasticceri Italiani), che da alcuni giorni ha aperto i battenti nel capoluogo lombardo inaugurando in viale Piave la pasticceria ‘Alessandro Servida, Alta Pasticceria’, che si aggiunge ad Alex, la pasticceria aperta appunto a Pantigliate e diventata con gli anni un vero punto di sosta per tutti gli amanti dei dolci di qualità.

A Milano la location, aperta tutti i giorni dalle 8 alle 20, è stata disegnata con uno stile ‘urban chic’, un po’ rock come piace allo stesso pasticcere, dove prevale la presenza di colori e materiali caldi, come il legno e il metallo anticato. A realizzare il design della pasticceria, oltre allo stesso Servida, ha giocato un ruolo fondamentale anche sua moglie Donatella, e CierreEsse, azienda di Cabiate che si è occupata di scegliere gli arredi.

Una colazione con somministrazione al tavolo: uno dei punti forti della pasticceria milanese di Servida

Insieme hanno progettato un locale polifunzionale perché oltre alla vendita diretta di gustose prelibatezze al banco, la location prevede uno spazio con servizio di somministrazione con tavoli in rovere e sedie in legno in stile bistrot, pensato per una rilassante colazione e in grado di ospitare una ventina di clienti, a cui se ne aggiungeranno presto altri dieci che saranno posizionati nell’area dehor in fase di allestimento finale. Da settembre, inoltre, il posto proporrà anche un brunch domenicale.

Servida Pasticceria mignon
Tutti i dolci sono proposti anche nella versione mignon

Tornando all’offerta dolciaria, tutte le preparazioni di Servida sono in vendita anche nella versione mignon, monoporzione e torta. Numerose le proposte da leccarsi i baffi. Tra i vari plus firmati dallo chef spicca la crostata cremosa ai cioccolati, un ottimo cheesecake e una speciale versione del tiramisù presentato in tartelletta.

E ancora: suggerito l’assaggio delle praline al cioccolato dai gusti fantasiosi e del panettone lievitato in vaso da assaggiare tutto l’anno e non più solo durante le feste e le ricorrenze. Non manca, poi, la parte salata che Servida, soprattutto in pausa pranzo, raccoglie in un menu a base di panini gourmet, focacce ‘crock’, insalate varie e piatti freddi.

Dove
Alessandro Servida, Alta Pasticceria
Vendita al bancone e area somministrazione: Alessandro Servida ha scelto di sbarcare a Milano con una pasticceria polifunzionale