Resort Villa Necchi Gambolò

Hotel

Villa Necchi alla Portalupa Resort

Romantici weekend, saporite cene e centro benessere nel bucolico resort immerso nel Parco del Ticino

Una donna dai capelli rossi e dal fisico snello indossa un vestito bianco e un giacchino blu. Due cani al guinzaglio, sorridente e con il naso teneramente arricciato, volge lo sguardo alle sue spalle dove, al di là del laghetto, il marito mostra il bottino di caccia.

Con questa scena, il pittore milanese Giuseppe Palanti negli anni Quaranta rappresenta un momento di vita di Lina Ferrari, già ballerina di varietà, e Vittorio Necchi, magnate delle industrie siderurgiche e produttore di macchine da cucire.

A Villa Necchi alla Portalupa, nel Parco del Ticino, trovava ristoro e con la complicità della moglie organizzava feste e banchetti, anche con i reali di casa Savoia. La tela, grande tre metri per quattro, è uno dei dipinti alle pareti dell'elegante dimora, oggi trasformata in incantevole resort incorniciato dalla campagna pavese, a soli quaranta minuti da Milano e a pochissimi chilometri da Vigevano.

Un rifugio silenzioso, immerso in un parco verde che si estende per oltre dieci ettari. Meta ideale per un weekend romantico e perfetta location per matrimoni ed eventi.

L'area lounge dove viene allestito l'aperitivo della domenica

L'area lounge con magnifica vista sull'ampio giardino

ARTE, NATURA E RAFFINATEZZA

Edificata in un antico possedimento degli Sforza, la Villa è appartenuta alla famiglia Necchi dagli anni Quaranta agli anni Settanta, che affidò la ristrutturazione e l'arredo a Giancarlo Palanti (figlio di Giuseppe), principale esponente dell'architettura razionalista.

Ma ben poco è rimasto del design di quel tempo. Il resort è oggi impreziosito da mobili e tessuti candidi e moderni. Le sale e le suite sono illuminate da un trionfo di luce che filtra dalle ampie vetrate affacciate sul giardino.

E sia gli interni sia l'area esterna è impreziosita dalle sinuose sculture di Luigi Galligani, l'artista delle sirene e dei miti greci. Sua è ad esempio la Partenope che decora la fontana esterna, così come lo è la Murena esposta nell'area lounge dove tutte le domeniche viene servito l'aperitivo.

Massima cura per il dettaglio anche nelle 21 camere di charme, arredate una diversa dall'altra, arricchite da chicche firmate Frette e Culti.

Villa Necchi alla Portalupa

Villa Necchi alla Portalupa, la cornice ideale per matrimoni ed eventi aziendali

GUSTOSI WEEKEND IMMERSI NEL PARCO DEL TICINO

Aperto al pubblico venerdì e sabato sera e domenica a pranzo, il ristorante è affidato ai pluripremiati chef Walter Dalla Pozza e Antonio Danise.

Nella sua dispensa tipicità quali la selvaggina (lepre, cervo, cinghiale, pernice, fagiano), pesce di fiume (storione, luccio, perca), asparago di Cilavegna, fagioli borlotti di Gambolò, salame di Varzi e carnaroli del Pavese, usato per la preparazione del risotto all'oca e foie gras di Mortara o quello alla certosina (con le rane).

Specialità alle quali si aggiunge la pasta ripiena, dal Raviolo della nonna con ragù antico al Raviolo imperiale con tartufo bianco d'Alba. I dessert sono invece opera del giovane e talentuoso Domenico Spadafora, cake designer dalla sac à poche sopraffina. Il suo dolce mondo è un insieme di ricette tradizionali, come la torta di mele di Soriasco, e pasticceria moderna, dai soffici cupcake ai colorati macaron.

La terrazza. Con la bella stagione, qui viene allestito l'aperitivo

La terrazza. Con la bella stagione, qui viene orchestrato l'aperitivo

ANIMALi, nATURA e ricordi cinematografici

Aldo, Furia, Mirtilla, Camilla, Giorgio V, Pinocchio e Geppetto. Chi è questo gruppetto? Sono i pony e il ciuchino che inteneriscono grandi e piccini all'interno della Villa, oltre a due meravigliosi daini che si affacciano sulla roggia Castellana, corso d'acqua che attraversa la tenuta e trae origine dal fiume Ticino.

Ancora, cigni bianchi e neri che sguazzano in un laghetto circondato da querce, salici e magnolie. Oltre a correre su e giù per il parco, i bimbi si divertono anche nell'area giochi all'aperto, dotata di scivolo, altalena e torretta per le arrampicate.

Tra il verde si scorge anche una chicca cinematografica: dove un tempo c'erano le foresterie, Castellano e Pipolo, negli anni Ottanta, girarono le scene di campagna del film Il Bisbetico Domato. E c'è pure il trattore guidato da Adriano Celentano.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati

Informazioni su: Villa Necchi alla Portalupa Resort in Zona

Villa Necchi alla Portalupa Resort, Gambolò
Hotel
Frazione Molino D'Isella - 27025 Gambolò (PV)
+39 0381 092601
SERVIZI GENERALI STRUTTURA: Ascensore
BAR E RISTORANTE: Ristorante
SALUTE E BELLEZZA: Centro Spa/Benessere
TRASPORTO E PARCHEGGIO: Noleggio biciclette
BAMBINI: Zona giochi per bambini - esterna

Indirizzo Villa Necchi alla Portalupa Resort Gambolò

Indirizzo: Frazione Molino D'Isella - 27025 Gambolò