Fusi per il fuso?

Una dieta per risolvere il malessere da jet lag

Tempo di vacanze. Tempo di lunghi viaggi. E tempo di sfasamento del tempo, con tutte le problematiche che possono conseguire dal cambiamento di fuso orario. Ovvero irritabilità, affaticamento, insonnia e disordini gastrici. I motivi? Paiono essere legati al mancato coordinamento tra l'attività dei due centri celebrali, influenzati a loro volta dalla presenza di proteine. Ecco allora che i ricercatori della University of Chicago Argonne National Laboratory hanno messo a punto una dieta che potrebbe risolvere i problemi da jat lag.

Si tratta di dover seguire alcune regole alimentare nei giorni a ridosso della partenza: tanta carne il primo e il terzo giorno prima del viaggio; una dieta molto leggera (non pù di 700 calorie) il secondo giorno prima del viaggio e il giorno stesso del viaggio; e ancora carne il giorno successivo all'arrivo. Il tutto accompagnato da una buona attività fisica. E i risultati paiono promettenti, stando alla rivista Military Medicine, che ha curato la pubblicazione della ricerca universitaria.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati