Viaggiatori responsabili

Sicuri e coinvolgenti, i viaggi solidali regalano un'esperienza intensa

Vivere nelle capanne di paglia dei Dogon in Mali o fare trekking con i Masai, in Tanzania. Sono alcuni esempi di turismo solidale, un modo nuovo di vivere le proprie vacanze. Meno costosi di un soggiorno in senso tradizionale, ma soprattutto utili per le comunità ospitanti, a cui vanno i profitti, i viaggi solidali si rivelano un’alternativa valida al turismo di massa. Una tendenza in crescita, che in Italia registra un più 20 per cento annuo. Ecco alcuni itinerari di viaggio organizzati nel rispetto delle comunità locali.

IN ECUADOR, DALLE ANDE ALLE ONDE
- Tra le tante proposte di Viaggi Solidali si può scegliere uno dei pacchetti che, nel piccolo Stato dell’Ecuador, in Sudamerica, portano dalle Ande alla giungla amazzonica, alle riserve marine delle Isole Galápagos. Si dorme con le popolazioni locali, si scoprono tradizioni e costumi degli indigeni, si ammirano paesaggi intatti e panorami insuperabili come quello dei vulcani a 4.000 metri.

IN TANZANIA, SULLE ROTTE DEI MASAI - Si chiama Camel Safari ed è il trekking di 5 o 8 giorni che, in Tanzania, conduce verso il lago Patron o nella Ngorongoro Conservation Area. Accompagnati da guide masai, si procede a piedi o a dorso di cammello alla ricerca di elefanti, bufali, giraffe e fenicotteri. Ci si ferma nei villaggi masai prima di partire per il Parco nazionale di Arusha e per le spiagge immacolate affacciate sull’Oceano Indiano (info: Istituto Oikos).

IN REPUBBLICA DOMENICANA
- Un tuffo nei luoghi più autentici dell’isola caraibica per sostenere un progetto di rivalutazione delle zone di Las Galeras, Rincon, Las Francesas. È un’offerta che consente di avvicinare le famiglie locali e condividere pasti e attività. Non mancano alcune giornate di mare nei villaggi vicino alla barriera corallina di Fronton, a Playa Madama e nella laguna Salada, per avvistare pesci tropicali. Si alloggia nelle case dei pescatori o in villini coloniali immersi nella natura. (Info: Ice).
© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati

Correlati:

www.aitr.org
www.responsibletravel.com