Viaggi

Tutt'al più, Nicoletta Strambelli

Il concerto di Patty Pravo allo Smeraldo lascia un'arguta riflessione

Basta con le ghettizzazioni che ammazzano la musica. Basta con le iconografie spicciole che associano l'artista musicale a quelle tre o quattro canzoni. Basta con i pregiudizi anagrafici che pretendono di stabilire se un musicista sia vivo o morto. Basta con l’arroganza brutale dell’industria discografica italiana che si stringe attorno i numeri. Il concerto di Patty Pravo al teatro Smeraldo di Milano non può passare inosservato, non può essere liquidato con una recensione di circostanza, citando i titoli che vogliamo ascoltare ogni volta: La bambola, Pazza idea o Pensiero stupendo.

LES ETRANGERS - Pochi lo fanno perché occorre una dose di coraggio e forza d’animo: denudarsi davanti al pubblico, gettare la maschera nel rito ancestrale del palcoscenico è coraggioso e non se lo possono permettere tutti. Patty Pravo lo ha fatto e così la sfinge della musica italiana si è lasciata alle spalle i bagliori della “ragazza del Piper”, restituendo eterna giovinezza a Ragazzo triste e Se perdo te, spingendo avanti nel tempo Io ti venderei, gemma di Battisti-Mogol, dimostrando di essersi adattata ai nostri tempi fugaci con Goodbye My Love e Les Etrangers. L’immagine di Patty Pravo si affaccia poche volte perché sul palco c'è la donna prima dell'artista. Pensino quel chewing gum appiccicato all’asta del microfono è diventato un fiore.

IO, NICOLETTA STRAMBELLI - La signora bionda sul palco dello Smeraldo è semplicemente Nicoletta Strambelli, lei e il suo pubblico, senza i soliti filtri, in una performance musicale in cui l’artista ammette la sincerità, dondolandosi tra E dimmi che non vuoi morire, la canzone della rinascita, ed E Io verrò un giorno là, il brano che avrebbe dovuto vincere Sanremo 2009. Nel finale l’interpretazione di Tutt'al più riesce alla perfezione e il “basta” sussurrato nell’ultima strofa è il vissuto della disperazione, altra eccellente prova di una grande interprete della nostra musica. Basta con le ghettizzazioni che ammazzano la musica. Basta con le iconografie spicciole che associano l'artista musicale a quelle tre o quattro canzoni. Per sempre, Nicoletta Strambelli. 

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati