Pipì quanto mi costi

A Venezia per l'uso dei bagni pubblici si risparmia prenotando online

Venezia, si sa, è una delle città turistiche più care d'Italia. Ma stupisce la curiosa notizia secondo la quale dal 1 febbraio i turisti che decidono di visitarla nell'alta stagione dovranno fare i conti con il caro pipì. Si perchè se non si è internauti, usare i bagni pubblici nei mesi caldi (compreso a Carnevale) costerà ben 3 euro. Fortunatamente però prenotando online il prezzo scende a 2 euro.

Queste nuove tariffe di ingresso ai bagni pubblici fanno parte di una delibera approvata dal Comune, presentata dal vicesindaco Michele Vianello con lo scopo di scoraggiare il turismo mordi e fuggi.
Neanche i residenti avranno vita facile anche se per loro sono previste tariffe più basse: 0,25 centesimi se in possesso della "Wc card abbonamento", che costa 3 euro, mentre gli over 60 potranno farla gratis se in possesso della "Wc card" gratuita.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati