Oman, la Svizzera d'Arabia

Viaggio nel moderno sultanato tra città fortificate, deserto e mare.

È uno dei Paesi più sicuri del Medio Oriente, dove tenendo conto dell'area geografica a cui appartiene, la situazione può considerarsi tranquilla. Stiamo parlando dell'Oman, sultanato all'estremità sud-orientale della penisola arabica dove la "storia", dopo i secoli bui, è cominciata 40 anni fa, nel 1970, quando Qaboos Bin Said, figlio di un sultano despota, ha rovesciato il governo del padre e dato nuova speranza al Paese.

MUSCAT - Porta d'accesso del Paese è Muscat, la capitale, sede dell'aeroporto internazionale. È più pulita di Zurigo, a sentire la gente del posto, in più, conta alberghi moderni, è percorsa da ampi viali e caratterizzata da moderne architetture costruite in modo tradizionale E poi ci sono musei, parchi naturali e antiche vestigia storiche che vale la pena di visitare. La sensazione è che si tratti di una città vera, non costruita. Per gli stretti vicoli della cittadella si incontrano i mercanti con il capo avvolto in drappi di cotone, mentre le donne camminano altere, nelle loro vesti nere lunghe fino ai piedi. Da non perdere anche Salalah, seconda città del Paese, a mille chilometri dalla capitale, base per raggiungere i villaggi archeologici meridionali.

TRA DESERTO E MARE - Nei mercati di Muscat e delle antiche città fortificate, si scambiano dromedari, ovini e bovini. Nei souk, regno dei commercianti d'argento e di spezie, l'aria profuma di sandalo, mirra e incenso. Fuori dalle antiche mura delle cittadine, più dell'80 per cento del territorio dell'Oman è desertico: dune e creste disegnano il paesaggio bruciato dal sole. I 1.700 chilometri di coste deserte sono però punto di partenza per scoprire la variegata vita marina. Sorprendentemente, infatti, i fondati davanti alle coste omanite sono di eccezionale ricchezza e biodiversità. Le pareti sommerse delle Daymaniyat sono popolate da pesci angelo alla ricerca di spugne, murene giganti, tonni, tartarughe, squali leopardo ed enormi trigoni maculati che nuotano indisturbati nelle profondità del mare.

  • DA SAPERE
  • FUSO
  • +3 ore rispetto all'Italia quando vige l'ora solare; +2 con l'ora legale.

  • DOCUMENTI
  • Passaporto con almeno sei mesi di validità e visto.

  • VACCINAZIONI
  • Non ne è richiesta nessuna.

  • QUANDO ANDARE
  • Il periodo migliore coincide con il nostro inverno, da ottobre fino a marzo.

  • CON CHI ANDARE
  • I Viaggi di Maurizio Levi propone un itinerario in fuoristrada di 9 giorni tra costa, montagne e deserto, a partire da 2.100 Euro a persona in pensione completa.
© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati