Le spiagge più belle d'Italia

La classifica delle Bandiere Blu 2013 traccia una mappa dei lidi migliori e delle località da scegliere per le vacanze

Ancora indecisi sulla meta delle vostre vacanze? Se siete amanti del mare, allora perché non dare un'occhiata alla classifica delle Bandiere Blu 2013? Stilata dalla Fee - Fondazione per l'educazione ambientale Italia, che ha premiato ben 248 spiagge, per il rispetto di determinati criteri di gestione ambientale, di qualità delle acque e dei servizi offerti. Regina assoluta la Liguria, con ben 20 "best of" (in top da quest'anno anche Framura e San Lorenzo al mare), seguita da Marche e Toscana. In totale, una decina in più le spiagge che possono fregiarsi del sigillo di qualità, tra questi il lido lacustre di Levico Terme, in Trentino.

SPIAGGE DOC - Qualche dettaglio può servire a scegliere il litorale che più fa al caso vostro. Protagonista della scena la Liguria, si diceva, secondo posto per le Marche con 18 spiagge doc (due nuove località: Fermo e Pedaso), il bronzo va alla Toscana, che aggiunge alla sua lista Carrara e arriva a quota 17. Rimane a quota 14 l'Abruzzo con le sue 14 bellezze (nuova Francavilla al Mare, ma esce Scanno), idem la Campania con 13 lidi, la Puglia con 10, l'Emilia Romagna con 8 e poi il Lazio. La Sardegna, già a quota 7, ottiene una Bandiera Blu per Tortolì, mentre nessuna novità per il Veneto (6 riconoscimenti). Il Molise avanza e con Campomarino arriva a 3 Bandiere Blu. La Sicilia scende a 4, perdendo Pozzallo, mentre la Calabria scende a 3 perdendo ben 3 spiagge. Friuli Venezia Giulia e Piemonte confermano le 2 Bandiere Blu dell'anno scorso, così come la Basilicata e la Lombardia: un solo vessillo. È infine il debutto del lido lacustre di Levico Terme, località sul lago in Trentino.

IL MARE ITALIANO – La classifica delle spiagge doc racconta molto del nostro mare e dell'impegno di chi lo gestisce al meglio. Un impegno che si rinnova anno dopo anno, tenendo conto dell'alto numero di lidi riconfermati, ben 86%, tra i comuni già premiati. Determinanti sono alcune caratteristiche specifiche: acqua eccellente e campionamenti regolari durante la stagione estiva costituiscono una prima fase di valutazione. Dopodiché ai Comuni viene richiesta un'alta efficienza nella gestione della depurazione delle acque reflue e della rete fognaria, la raccolta differenziata, una corretta gestione dei rifiuti pericolosi, spiagge dotate di tutti i servizi e di personale addetto al salvataggio, altre che l'abbattimento delle barriere architettoniche. Bè, sembra proprio che tanti stiano facendo un ottimo lavoro!

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati