Claudio Baglioni

Un "Cuore di Aliante" al DatchForum per rovistare nel magazzino dell'anima

SUL FILO DELLE CANZONI - Marco lavora come impiegato. Nel 1975 ha conosciuto Marcella, si sono innamorati ed hanno scelto il brano Amore bello come colonna sonora del loro matrimonio. Emiliana è una studentessa ed ha una passione sfrenata per una canzone: Strada Facendo. Mi ha confessato che la ascolta prima di entrare in seduta di esame. Fabiola è palermitana, vive a Milano da due anni e si è portata dietro nella sua valigia una canzone, Mille giorni di te e di me. Queste persone, sparse nel pubblico del DatchForum, non si conoscono tra loro ma hanno in comune un filo sottile che lega le loro vita: il canzoniere di Claudio Baglioni.

TUTTI QUI -  Il cantautore romano è ritornato dal vivo a Milano per tre date sold out, in un concerto che ripercorre quarantanni di carriera. Evento che si lega all'ultima uscita discografica: Quellideglialtri Tutti qui, una lunga playlist di cover interpretate dal Baglioni nazionale, che per la tappa milanese ne ha scelto soltanto una: Cinque minuti e poi..., hit di Maurizio dei New Dada. "Stasera cercheremo nel nostro magazzino per tirare fuori la direzione di questo nuovo viaggio", esordisce Baglioni. Abbigliamento classico con pantaloni scuri e camicia bianca, con una torcia puntata verso il pubblico. Il palco è centrale e così, come è accaduto per i tour recenti, questa scelta permette al musicista romano di dominare la scena completamente con la sua chitarra e il suo fidato pianoforte. Questa volta niente eccessi di spettacolarità ma soltanto musica, quella di sempre, che esca dalla sua chitarra acustica o dal suo fidato pianoforte per tre ore tutte di un fiato. 

LA VITA E' ADESSO - Il calendario sfoglia le pagine dell'ultimo ventennio: dalle recenti Serenata in Sol , Mai più come te e Cuore di aliante alle lontane Adesso la pubblicità, Amori in corso, i Vecchi, Strada facendo e Via. Il pubblico canta, applaude, e l'emozione più forte è osservare tre generazioni diverse che cantano gli stessi pezzi, per testimoniare ancora una volta che la musica spezza le barriere anagrafiche. Salti all'indietro, alle origini e la voce intona E Tu, Amore bello, Signora Lia, Questo piccolo grande amore, E tu come stai?, Sabato pomeriggio, Solo e tante altre gemme del suo repertorio. Gran finale con la trilogia: Io sono qui, Mille giorni di te e di me e La Vita è adesso. Vorremmo rivederlo presto con una scaletta diversa che pesca i pezzi meno conosciuti del suo canzoniere, con nuovi arrangiamenti per evitare la monotonia del rito-concerto.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati

Correlati:

www.baglioni.it