Viaggi

Aruba, One Happy Island

Che c'è di nuovo nel mar del Caribe? Un'isola felice...

One Happy Island recita lo slogan che promuove Aruba. Si legge sulle targhe delle auto, si respira nell’aria e riassume perfettamente l’atmosfera dell’isola, armonioso melting polt di gente proveniente da ogni continente incastonata nel Mar dei Caraibi a 28 chilometri a nord del Venezuela. Che solo di recente è stata scoperta dal turismo.

PAESAGGI DA SOGNO - Paradisiaca isola delle Antille Olandesi, è rinomata per le sue ampie spiagge di sabbia bianca bordate di palme e per il clima, soleggiato e asciutto per gran parte dell’anno. Distribuita su una superficie di 180 kmq, lunga 32 km e larga 10, a differenza delle altre isole caraibiche Aruba ha un territorio pianeggiante con scarsa vegetazione.

UN PO' DI STORIA - Scoperta nel 1499, l’isola fu prima annessa alla Spagna, poi a lungo occupata dagli olandesi ed è indipendente dal 1986. L’impronta dell’occupazione olandese è evidente nella capitale Oranjestad, dove le abitazioni alte e multicolori sfoggiano porte in legno scolpito e piastrelle tradizionali olandesi. Qui si viene ad acquistare l’artigianato locale, in vendita nelle bancarelle del mercato. Tutte le mattine, inoltre, i mercanti vengono a vendere pesce e frutta e verdura fresca direttamente dalle barche.

PER CHI AMA LA NATURA - Appena fuori dalla capitale la vegetazione diventa più selvaggia. L’entroterra, dominato dai Rolling Hills (le due vette più alte sono Hooiberg e Jamanota, il punto più alto dell’isola), è un must per gli amanti del trekking, che apprezzeranno sicuramente il paesaggio arido e i reperti storici del Parco nazionale di Arikok. Il punto più affascinante è il Natural Bridge, un arco di terra di formazione corallina lungo più di trenta metri. In alternativa, per esplorare il territorio, si può partecipare a escursioni a cavallo o noleggiare un quad o una jeep.

UN PARADISO PER SURFISTI - Ma Aruba attira soprattutto per il mare. Costantemente battuta dai venti alisei, è meta di appassionati del surf, delle immersioni e degli sport acquatici. Sui litorali occidentali e nel meridionali, si estendono le spiagge riparate dalle forti correnti oceaniche, mentre i litorali nordici e orientali sono più esposti.

SPIAGGE DA NON PERDERE - Per chi vuole dedicarsi interamente a sole e mare, le spiagge più attrezzate sono Palm Beach ed Eagle Beach, mentre Malmok Beach è apprezzata per le sue acque basse. Baby Beach è perfetta per chi Vuole isolarsi. Nella punta nord-occidentale, Hadikurari Beach regala un magnifico spettacolo subacqueo. Oltre alle ricche formazioni coralline dei fondali, le profondità del mare custodiscono i relitti di decine di navi affondate, come quelle che si avvistano al largo della costa di Malmok.

  • DA SAPERE
  • FUSO
  • - 5 ore; - 6 quando in Italia vige l’ora legale.
  • DOCUMENTI
  • Passaporto con almeno 3 mesi di validità e biglietto aereo di andata e ritorno.
  • VACCINAZIONI
  • Non sono richieste.
  • QUANDO ANDARE
  • La temperatura si mantiene costante intorno ai 28°C per tutto l’anno, il momento migliore è tuttavia quello compreso tra ottobre e aprile, da maggio a settembre c’è la stagione delle piogge.
  • CON CHI ANDARE
  • Dimensione Turismo propone pacchetti di 9 giorni/7 notti a partire da 1.290 e a persona. Si vola con Air Italy direttamente da Milano-Malpensa ad Aruba. Si dorme al The Westin Aruba Resort
© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati