Aperitivo in Concerto, 25 anni di nuovi linguaggi

La Rassegna musicale del teatro Manzoni torna a far pulsare Milano. Si riparte il 2 novembre con Sonny Rollins

In questi tempi in cui le proposte musicali di jazz a Milano soffrono di apatia e ripetitività, Aperitivo in concerto può ancora permettersi il lusso di considerarsi uno dei punti di riferimento in tal senso. Gianni M. Gualberto, direttore artistico della rassegna musicale del Manzoni, può dormire sonni tranquilli perché la costanza e la passione dimostrata in questi anni ha dato i suoi frutti. E qui non è questione soltanto di nomi in cartellone – Sonny Rollins non è forse il dio musicale fatto uomo? – ma di mettere assieme un puzzle corale, guidando lo spettatore in molteplici percorsi. "Quest’anno festeggiamo venticinque anni di attività – replica Gualberto – Abbiamo voluto evitare la celebrazione del ricordo, continuando a prendere in esame i cambiamenti che ogni giorno stanno modificando non solo la nostra cultura musicale ma anche concezioni e forme che parevano immutabili".

APERITIVO IN CONCERTO - Il battesimo avviene fuori sede, al teatro Dal Verme, con un colosso del sax: Sonny Rollins (2 novembre) torna a Milano dopo una lunga assenza per ricordare che la musica non ha un’età anagrafica per lasciare il segno nello scenario della contemporaneità. Poi si torna a suonare in casa, nel teatro di via Manzoni, continuando a vagabondare tra i continenti, sullo sfondo di giochi musicali meticci: dalla tromba di Frank London che riesuma la tradizione musicale ebraica con il tiratore libero Vinicio Capossela (29 novembre) alla voce hip hop di Mike Hadd sul piano indiano di Vijay Iyer (7 febbraio); dalla batteria di Hamid Drake (31 gennaio) che rincorre il rapper Napoleon Maddox ad un altro round musicale delle sperimentazione provocatoria di John Zorn (16 novembre). E se tutto questo non vi basta, potete sempre fare toc toc alle porte dell’Hypnotic Brass Ensemble (13 dicembre) o di Stanley Cowell (14 marzo).

NEL Dì DI FESTA - Se non ce ne siamo accorti, Aperitivo in Concerto rimette Milano alla prova, su un trampolino, facendola tornare ad essere cittadella europea dove la musica ha ancora qualcosa da raccontare. E questo accade di domenica, senza falsi riti, lontano dall’ozio del "dì di festa". Ed è bello tornare a pensare con l'udito.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati

Correlati:

www.aperitivoinconcerto.com