Show

Tran-trance ibseniano

Una "Casa di Bambola" agile, ironica, nevrotic-rock con Lunetta Savinio

Duplice sin dal titolo, è l'ultima fatica di Leo Muscato: Casa di bambola, L'altra Nora. Ambiziosa coproduzione tre CRT e Le Art' propongono al pubblico di Milano all'interno del ricco programma di Teatro del'Arte dal 2 al 13 maggio.

TRAN-TRANCE – Una sala semi-gremita (quasi un lusso per la prosa sperimentale o contemporanea!), è il preludio ad uno spettacolo che per ricchezza di contenuti è degno specchio di cotanto pubblico. Ricchezza che prende origine da un'agile rilettura del capolavoro ibseniano e che Leo Muscato riesce a tramutare in una compiuta partitura scenica, spruzzata di ironia, nevrosi e rock. Esito ne è un copione che ha come perno  Nora, almeno quanto la brava Lunetta Savinio lo è della sua messa in scena.

TEATRO CANOCCHIALE - Tramite lo schiacciamento prospettico, giocato dall'operazione di riscrittura, l'anti-eroina ottocentesca arriva ad essere schiacciata sulla nostra quotidianità. L'esercizio è tutt'altro che fine a se stesso. L'annullamento del passato nel presente ha il merito di rivelare, ancor più che lo scarto sul testo originale, tutta l'immobilità che nel secolo e mezzo trascorso tra le due scritture ha dettato il tempo al canovaccio della vita familiare. Un percorso obliquo, ma più che sufficiente per capire che al centro della lente, ancora una volta, ci siamo proprio noi...

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati
  • ARGOMENTI