Fotofinish

Una risata vi schiaffeggerà, Fotofinish di Antonio Rezza all’ Out Off dal 18 al 30 ottobre

Corpi accatastati gli uni sugli altri, vittime di una guerra suscitata per oscuri motivi da un folle, che infine dissacra quei morti tastandogli il culo.
Può dispiacere, può scandalizzare, ma Fotofinish, colpisce là dove si fermano impotenti tanti scontati discorsi pacifisti, là dove vive la ormai acefala impotente ragione di noi massa compressa nelle finte notizie televisive.

Il binomio Rezza-Mastrella con l’affilato sadismo della RISATA METAFORICA viviseziona il cadavere della società contemporanea davanti ai nostri occhi e ci schiaffeggiano cercando una disperata rianimazione, forse meglio dire una resurrezione delle menti, della capacità di giudizio.
Rezza trascina un pubblico che prima sospettoso, poi attonito lo segue, come gli ebrei seguivano fiduciosi Mosè attraverso il deserto, aspettando la terra promessa della comprensione, ma il profeta attore-autore sa già che non sarà compreso se non in superficie, perché il vitello d’oro della facilità ci sedurrà appena usciti dal cerchio rituale nel quale ci ha serrato per quasi due ore.

Spettacolo acre, di un sapore sconosciuto questo, giocato e costruito in un finto manicomio, che altro non è se non ciò che noi siamo, dove stupisce e affascina il corpo nudo del profeta, mostrato con auto ironia sapiente, ennesimo schiaffo anche allo sguardo cieco di calendari nauseanti di veline o bellissimi ecc. ecc. tutti svelati nella loro nullità.
Grande Rezza, come non ringraziarti di questo viaggio in fondo, ma molto in fondo, là dove forse abbiamo dimenticato e perso la nostra coscienza.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati