Delitto perfetto

Geppy Gleijeses porta il giallo di Hitchcock al Teatro Ciak fino al 22 ottobre

UN'UNICA SCENA - In un salotto borghese si svolge l'intera scena: due poltrone, un camino acceso sullo sfondo, una scrivania da ufficio, una porta a vetri aperta sul giardino. E' in questo ambiente chiuso e claustrofobico che si consuma il Delitto perfetto, messa in scena del capolavoro di Hitchcock.
Attraverso la voce dei personaggi, che si alternano nella stanza, viene ricostruito il passato e progettato il futuro, come se ci si trovasse in un limbo fuori dal tempo e dallo spazio. Lo spettatore scopre così tutti i segreti dei personaggi, li osserva con distacco, la suspence del giallo viene smorzata. Sono la scena del delitto, il processo, e il lieto fine della storia a restituire il giusto calore allo spettacolo, coinvolgendo il pubblico nel pathos narrativo.

UNA PROVA CORALE - La guida dello spettacolo è Geppy Gleijeses che orchestra alla perfezione l'intreccio narrativo, spesso talmente intricato da risultare enigmatico. Tiene con cura le fila della storia, ricostruisce tutto con precisione e meticolosità, proprio come il personaggio che interpreta sulla scena, il cinico e spietato mandante dell'omicidio. Splendida prova di Marianella Bargilli, nel ruolo della moglie. E' lei a creare in scena quei pochi attimi di emozione immedesimandosi nella sofferenza di Margot, prima assalita e poi ingiustamente condannata al processo. Gli applausi più fragorosi sono per un grande del nostro teatro, Raffaele Pisu, al ritorno sulla scena dopo alcuni anni di assenza, accolto con affetto dal pubblico. La sua prova non delude, nei panni dell'ispettore si trova a suo agio, fiuta con intuito ogni dettaglio, supera le difficoltà con ironia e saggezza, porta infine la giustizia a trionfo. Quando l'ispettore alza la cornetta del telefono tutto si interrompe, come un quadro i personaggi vengono ritratti immobili sulla scena, solo  gli applausi rompono la magia dello spettacolo, regalando alcuni minuti di meritata gloria agli attori. 

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati