San Valentino

Baci esotici

Cenetta speziata, cenetta innamorata

Diciamolo. Le spezie un po' afrodisiache lo sono. Anche solo per il fatto che stuzzichino il palato con insoliti sapori. E allora, perché non regalarsi una serata romantica ed esotica in qualche buon ristorantino della citta?

IN COREA - Se non avete mai festeggiato Capodanno a San Valentino, ora è venuto il momento di farlo. Il 14 febbraio, infatti, coincide proprio con l'inizio del nuovo anno lunare coreano, e il Lee's Korean Restaurant celebra la doppia ricorrenza con numerose iniziative. Anzitutto, dal 12 al 19 febbraio, sia a pranzo che a cena, serve (gratuitamente) a tutti gli ospiti la zuppa di gnocchi di riso. Il motivo? Perché si tratta di un cibo simbolo, un po' come da noi le lenticchie. Inoltre, sempre dal 12 al 19, si può assaggiare un menu degustazione (a 30 Euro, acqua e coperto inclusi) che fa conoscere tutto il gusto della cucina del bel Paese Orientale. Della serie: nokdu jeon (frittelle di soia verde con verdure e carne), yachae japchae (spaghetti di fecola di patate con verdure), ttokmandukuk (gnocchi di riso e ravioli in brodo di carne), songaji galbi ggim gui (biancostato di vitello bollito e grigliato) e il classico kimchi, cavolo cinese messo a marinare e fermentare nelle spezie. Ma non finisce qui. Domenica 14, il ristorante offre a tutte le coppie deliziosi cocktail a base di liquore di ginseng e riso e le omaggia di un grazioso ricordo: un'elegante carta di riso che porta iscritti i nomi degli innamorati in caratteri coreani. Insieme a una foto memory che viene poi spedita via e-mail.

IN INDIA - Atmosfere soffuse, camerieri in abiti tradizionali indiani, lampade a forma di fiori di loto e la statua della dea della fortuna Lakshmi pronta a vigilare sui cuori palpitanti. Al Tara, il San Valentino si fa romantico e aromatico, assaporando piatti tandoori o curry di pesce o di carne (menu a 25 Euro, bevande e dolci esclusi). Nel primo caso le pietanze vengono marinate in una varietà di spezie, aceto, yogurt o panna per poi essere cotte in un forno verticale dal rivestimento interno in argilla. Nel secondo caso gli ingredienti sono morbidamente accoccolati in un intingolo, una salsa, un sughetto delicato o arricchito da chiodi di garofano, coriandolo, cumino e curcuma. Delizie intriganti, da chiosare con digestivo kamasutra. Giusto per provare l'effetto che fa.

NEL DESERTO - Sabbia, dune, tappeti, musica arabeggiante e danza del ventre. Nel Sahara è così, soffia il vento del deserto. Ma c'è pure un'oasi gourmet dove rilassarsi, lasciandosi catturare dai profumi dell'Africa e del mediterraneo (menu a 60 Euro, bottiglia di vino a coppia, acqua o bibite inclusi). Tanto per iniziare, cocktail esotico, zuppa, insalata tunisina ai frutti di mare, crostini di pane accompagnati da crema di ceci e calamari ripieni al forno. E poi? Via con il cuscus (con verdure, pesce e carne rossa e bianca), con il filetto di merluzzo in salsa bianca corredato da cavolfiori e riso all'orientale, nonché con il filetto di manzo in crema di carne, riso all'orientale e misto verdure all'imperiale. Per sentirsi come sultani. Almeno per una notte. 

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati