26 SET 2017
di Marco Infelise

Simbolo, per tradizione, di sicurezza e affidabilità, il marchio Volvo compie, con il suo nuovo SUV medio XC60, un ulteriore passo verso il processo di modernizzazione intrapreso ormai da qualche anno.

Realizzato in occasione del 90esimo anniversario del marchio svedese, va a sostituire, modernizzandola, la sua omonima versione precedente. Una delle auto più vendute di tutta la lunga storia di Volvo, che attualmente da sola rappresenta il 30% delle vendite totali.

L'accattivante design della nuova Volvo XC60

L'accattivante design della nuova Volvo XC60

La nuova XC60 si presenta con linee più affusolate e accattivanti rispetto alla sua più immediata antenata, ma declina in maniera ancora più convincente le parole chiave di casa Volvo, sicurezza e tecnologia.

Prova ne sono, alcuni dispositivi montati a bordo che regalano la sensazione di guidare uno dei mezzi più avanzati e sicuri sul mercato. Su tutti, il nuovo dispositivo denominato Oncoming Lane Mitigation, che utilizza l’assistenza al controllo dello sterzo per ridurre gli effetti delle collisioni frontali.

O il Pilot Assist, l’avanzato sistema semi-autonomo di assistenza alla guida in grado di gestire lo sterzo, l’accelerazione e la frenata sulle strade ben segnalate fino a una velocità di 130 km/h. E non è finita qui. Il Blis è un sistema che aiuta a segnalare al guidatore se un veicolo entra nell’angolo cieco o si avvicina rapidamente da dietro.

Il Park Assist Pilot, invece, misura lo spazio e parcheggia l’auto prendendone il controllo.

Il nuovo frontale made in Volvo

Il nuovo frontale made in Volvo

La XC60 vuole essere un’auto per tutte le occasioni, che si tratti di destreggiarsi tra le vie cittadine o partire per una gita fuoriporta. Il design della XC60 è estremamente piacevole e nasconde dimensioni e proporzioni diverse rispetto alla versione precedente, che regalano maggiore spaziosità sia del curatissimo abitacolo sia del bagagliaio.

La XC60 può contare su interni estremamente rifiniti

La XC60 può contare su interni estremamente rifiniti

La nostra prova partendo da Bologna per affrontare le strade dell’Appennino emiliano non fa che confermare la sensazione di una vettura ben equilibrata, solida e muscolare al punto giusto, ma aggraziata quando serve.

Un SUV maneggevole e versatile, con una tenuta di strada perfetta. Il tutto sotto il minimo comune denominatore di un comfort di primo livello.

Sotto ogni punto di vista, un’auto più comoda, sicura e meglio rifinita rispetto alla già vendutissima versione precedente.

Un'immagine della XC60 tra le strade dell'Appennino bolognese

Un'immagine della XC60 tra le strade dell'Appennino bolognese

Da notare, tra le altre cose, il grande schermo sensibile della concolle centrale, le cui pagine si sfogliano come quelle di un tablet.

Grazie alle dimensioni generose, permette di visualizzare più funzioni contemporaneamente.

La consolle centrale ha grandi dimensioni e facilità di utilizzo

La consolle centrale ha grandi dimensioni e facilità di utilizzo

Per quanto riguarda le motorizzazioni della XC60, le benzina 2.0 litri vanno da 254 CV (T5) a 320 CV (T6), mentre le varianti a gasolio, sempre di 2.0 litri, hanno potenze da 190 CV (D4) a 235 CV (D5).

Sin dall’esordio, è disponibile la versione ibrida plug-in, che conferma la traiettoria che Volvo sta compiendo in direzione dell’elettrificazione dei suoi propulsori. E con i suoi 408 CV (sigla T8) è la più potente a listino. Anche questo, segnale di grande modernità.

Tutte le XC60 hanno cambio automatico Geartronic e trazione integrale.
Prezzi da poco più di 46.000 euro.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati