Vivace Vigilia

Per aspettare il Natale con l'acquolina in bocca

News
Natale

Quella che precede il Natale non è la solita cena. E, infatti si chiama cenone. Un'occasione importante per festeggiare insieme a parenti e amici mangiando cose buone. Al ristorante, oppure, perché no, a casa, ma ordinando le pietanze da servire a tavola.

CENETTA COI FIOCCHI - La tradizione vuole che la serata del 24 dicembre si mangi esclusivamente pesce. E così sia! Se cercate un posticino carino, di un'eleganza semplice e sobria, la parola d'ordine è Edonè, un ristorante specializzato in pesce fresco (con tanto di vetrina a vista), dove provare il flan di spinaci con gamberi rossi in crema, il risotto allo champagne e crostacei, i paccheri con cicale e pomodoro di Pachino e il merluzzo dorato in salsa di pomodoro datterino. Se, invece, volete optare per un ambiente raffinato e salottiero, con proposte ittiche e non solo, due sono gli indirizzi: il ristorante Casanova del The Westin Palace, dove concedersi i ravioli con primo sale e cime di rapa su stuoia di porcini e il filetto di dentice con calamaretti spillo, pomodorini infornati e olive taggiasche; e il Nectare, con la sua sfilata di cannelloni di astice, di spigola con sfogliata di carciofi e di anolini in brodo di cappone. Sì, perché a Natale, il buon brodo non deve mancare. E non manca certo al Sax, con corredo di agnolotti di carne, in un menu che non dimentica di omaggiare il mare, baccalà fritto in testa.

SUSHI STYLE - Se, al contrario, preferireste restare at home? Nessun problema, da Mami Café è possibile prenotare (con almeno due giorni di anticipo) prelibatezze nipponiche. Ovvero, sashimi, maki, temaki, uramaki e hosomaki, e andarle a ritirare poco prima della cenetta. Tanto, il locale rimane aperto per il takeaway fino alle 20.30 della Vigilia.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati