Stacey Kent

La gioiosa luminosità di una delle più belle voci dei nostri giorni

INCANTEVOLE GIOIELLO - La sua voce è il gioiello che adorna la figura di donna incantevole che dal palco del Blue Note dispensa poesia. Stacey Kent è alla prima esibizione in Italia, emozionata ed entusiasta. Si scusa per il suo non perfetto italiano, ma lo parla molto bene, scegliendo con cura i termini e presentando la sua amata band: "Graham Harvey on the piano, David Chamberlain on the bass, Matthew Skelton on the drums and... mio marito Jim Tomlinson on the sax." Già dal primo sguardo che Stacey aveva lanciato a Matthew si era capito che tra i due c'era un'intesa che andava oltre la musica.

GIOIOSA LUMINOSITA' - Sei album di successo e una lunga serie di riconoscimenti non le hanno fatto prendere le distanze dal suo pubblico, che incanta con occhi da bambina alla ricerca dei sorrisi di chi l'ascolta. Grande stile e classe, Stacey canta in maniera chiara, viva e informale con un fraseggio perfetto. Perfino quando parla pare musicare le parole che le escono cristalline e gioiose. Gioia, è questo quello che comunica la nostra Musa... ed è dolce lasciarsi rapire dalle note.

FRESCA MERAVIGLIA - Spaziando tra l'inglese e il francese, Stacey interpreta le più belle canzoni d'amore dell'ultimo secolo con freschezza e ridonando loro colore, da Tony Bennet a Frank Sinatra, da Sammy Davis Jr. a Ray Charles, da Louis ArmstrOnG a Duke Ellington a Nat King Cole e Chet Baker. Che dire della luminoSa versione di "You've got a Friend" di James Taylor donataci nell'accalamto ter? Una meraviglia.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati