Musica

Jazz senza confini, ma al Piccolo

Il 7 dicembre riparte Orchestra senza confini, la rassegna di jazz del Teatro Piccolo

Il Jazz torna di scena al Piccolo per il decimo anno consecutivo. Il 7 dicembre si inaugura il nuovo calendario della rassegna Orchestra senza confini.

ORCHESTRA SENZA CONFINI - Il jazz a Milano cerca sempre scorciatoie per catapultarsi in progetti musicali stimolanti, che abbiano anche palcoscenici all’altezza dell’evento. Il Teatro Piccolo riprende le sembianze di scena musicale con la decima edizione di Orchestra senza confini, calendario musicale scaturito dai Civici corsi di Jazz. Il programma punta ad una sorta di laboratorio musicale aperto e concentrato su un vasto territorio musicale. Si parte il giorno di S. Ambrogio con un omaggio a Benny Goodman: sale sul podio Paolo Tomelleri (Teatro Grassi, 7 dicembre ore 11), sax alto e tenore di gran classe, che si è distinto per aver scritto musiche da film, spettacoli teatrali, documentari e spot.

JAZZ GRAFFITI - Il jazz nostrano torna con l'immancabile appuntamento di Italian Jazz Graffiti (Teatro Studio, 28 gennaio 2008 ore 21) sotto l’impeccabile direzione di Enrico Intra e Paolo Silvestri. Durante il concerto, si rivivrà in chiave jazz l'Italian Style. Paolo Damiani ha un biglietto da visita intrigante. Romano, contrabbassista e violoncellista, Damiani  inietta nelle sue composizioni un denso spirito musicale. Sarà lui a dirigere l’Onic Jazz Band - Orchestra Nazionale Insegnanti di Conservatorio per il concerto del 10 marzo 2008 al Teatro Studio (ore 21).

NINO ROTA SOUND - Un pianoforte jazz spulcia nel repertorio dell'inossidabile Enrico Intra (Teatro Studio, 14 aprile 2008 ore 21). Da pioniere del jazz, Intra ha contribuito a tracciare le coordinate di nuovi metodi di composizione ed è stato un punto di riferimento nella formazione in Italia. Sarà lo stesso Intra a chiudere la rassegna il 16 giugno al Teatro Studio con il Nino Rota Sound, un fragoroso concept musicale dedicato ad un grande compositore. Il vicentino Gianni Ferrio ha fatto della musica un campo a lungo raggio, consentendo alla sua creatività di destreggiarsi tra musica leggera e cinema. La chitarra di Franco Cerri gli rende omaggio il 19 maggio al Teatro Studio.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati
  • ARGOMENTI