Gli ostacoli del cuore

Elisa infiamma gli animi del DatchForum e ripercorre dieci anni di successi

Un'anima divisa in due, tra la lingua italiana e la lingua inglese. E la musica diventa internazionale con il ritorno di Elisa sul palco del DatchForum.

SOUNDTRACK LIVE - "Per noi non è mai iniziato e non finirà mai". Queste parole si dipanano su sei schermi che fanno da mega schermo al palco del Soundtrack Live tour, che segna il ritorno dal vivo di Elisa. Alle 21.15 sale sul palco e un oceano di giovani la accoglie con uno scroscio di applausi. E' tutto sold out per questa nuova data milanese, ed è Rainbow ad aprire il concerto. "Benvenuta Milano, grazie di essere qui", grida dal palco, il pubblico si riscalda mentre lei impugna chitarra.

SONGS - Le canzoni piovono e gli schermi sincronizzano i video di questa rivelazione musicale della scuderia di Caterina Caselli. Elisa canta in inglese con una tale disinvoltura, che sembra atterrata dall'oltre Manica. E' tempo di A Prayer, Rock Your Soul, Gift, Together e per la cantante friuliana si accendono i riflettori su un confondibile english-style. Il look è tornato ad essere mascolino, con i capelli corti, ma quella punta di sensualità peperina rimane. Ad accompagnarla in tour c'è un energico coro di Gospel americano e la musica continua a rincorrere flussi di composizioni in inglese: da Labyrinth a Sleeping in Your Hand, da SwanDancing, senza dimenticare Stay o Heaven Out of Hell.

CANZONI - Tuttavia, l'interprete che preferisce una parte di noi è quella che canta in italiano: è una piacevole rivelazione, una sorta di trapasso luminoso di energia che non ha paragoni nel panorama musicale attuale: la sanremese Luce, Qualcosa che non c'è, Una poesia anche per te o l'ultimo hit Eppure sentire, soundtrack di Manuale d'amore 2, trasmessa a ripetizione continua in tutte le radio. Quando canta Gli ostacoli del cuore, colonna sonora del film Mi fido di te, il pubblico spera che Liguabue salga sul palco a duettare con lei. Niente sorpresa, ma è il coro della folta platea del Forum ad intonare lo stacco del rocker emiliano. Emozionante omaggio a Mia Martini con una splendida Almeno tu nell'universo, per un concerto di più di due ore da non dimenticare. Nell'ultima parte, Elisa prende una handy-cam (telecamera, ndr.) e si diverte ad inquadrare il pubblico e i musicisti che la accompagnano: le immagini si disintegrano, le parole volano via, ma la musica ci ronza ancora nella mente, e non tarderà a smettere.  

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati