Gabriella Cilmi, febbre da pop

La voce di una italo-australiana fa il giro del mondo e cattura il pubblico con "Sweet about me"

News - Musica

Nella scuderia dei talenti italiani, ma di origine estera, c’è Gabriella Cilmi. E’ proprio la sua voce a cantare il tormentone messo in onda dalle radio in questi giorni d’estate: Sweet about me. Il prossimo 10 ottobre compirà 17 anni, ma la giovanissima cantante italo-australiana sa già come ammaliare i  fan, facendo il verso a Ami Winehouse.

SWEET ABOUT ME - “Ho cantato Jumpimg Jack Flash in una festa italiana dove generalmente c’è gente anziana che vende il proprio vino – confessa Gabriella – Quando sono arrivata sul palco, tutti avevano una faccia tipo, Chi è questa?!”. Insomma, a canticchiare alla tenera di età di tre anni era proprio questa ragazza, che in fine dei conti non si prende troppo sul serio. Il sound e le parole di Sweet about me conquistano l’ascoltatore così come il titolo dell'album Lessons to Be Learned. Schizzano pensieri e riflessioni diverse, perché crescendo ci sono molte cose da capire.

Y GENERATION - Quando i suoi amici le fanno uno scherzo e la filmano mentre canta Sanctuary, lei intuisce l’energia delle nuove tecnologie e finisce su You Tube. Migliaia di clic non tardano ad arrivare e Gabriella Cilmi si trasforma in un’altra giovane icona pop della rete, con tanti sogni nel cassetto: “Mi vanto di essere una brava fotografa, non ho vinto nessun premio ancora, ma un giorno chissà…”.

FEBBRE DA POP - Se provate a chiamarla, fatelo con un appellativo tipicamente australiano: "Crickey". Secondo qualcuno, questa giovanissima italo-australiana darà davvero filo da torcere alle api regine del pop, anche perché ha come ombra un guru della produzione: Brian Higgins. C'è sempre il pericolo che la temperatura scenda improvvisamente e la febbre da pop resti soltanto un bel ricordo. Riuscirà la nostra Aussi a tenere lo scettro e ad affermarsi nella scena musicale dei prossimi anni?

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati