"Cattive abitudini" al Bloom

I Massimo Volume in scena sul palco dello storico locale di Mezzago

Una scelta precisa, fatta, probabilmente, per staccarsi dalla produzione precedente. Suonare Cattive abitudini per intero e seguendo la tracklist, è per i Massimo Volume anche una sfida. Un'affermazione del fatto che la band non si corgiola nei vecchi successi, "relegati" al bis, ma ha nuove cose da dire. Sul palco del Bloom il 18 marzo va in scena una band affiatata e compatta, in grado di generare poesia ub equilibrio sulle note. Una sezione ritmica rigorosa scandisce il concerto, mentre la voce di Clementi si protende verso il pubblico sfruttando i giochi e la potenza delle due chitarre. Una voce che, purtroppo, quando raggiunge l'apice dell'intesità è resa dalle casse con un fastidioso riverbero, presto dimenticato a favore delle parole.

Ad aprire la serata i Verbal, quintetto bergamasco che si esibisce in una performance pressoché strumentale, in alcuni brani sono presenti inserti di voci reali e campionate. Il sound si muove tra un inizio maggiormente funky, in cui basso e batteria spadroneggiano, e una dilatazione finale verso lo psichedelico con annesse tastiere e chitarre in primo piano. Alcune immagini in bianco e nero scorrono sulla band, rimanendo l'unica fonte luminosa per tutta la durata del set.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati

Correlati:

www.massimovolume.it
www.myspace.com/verbaltrust