Amor Fou: melodie agrodolci

"Moralisti" e altre storie raccontate in musica al Tambourine di Seregno

Parole cesellate. Un'espressione stereotipata che però rende perfettamente l'equilibrio e la cura con cui gli Amor Fou creano i propri brani. Al Tambourine di Seregno la band concede al pubblico un ampio assaggio dei suoi Moralisti (EMI Music). Come si è spesso detto, è un concept album che racconta l'Italia attraverso tredici storie di altrettanti personaggi.

Musicalmente gli Amor Fou sono posati e minimali per sottolineare le liriche, quando le parole svaniscono o si trasformano in urlo primordiale (vedi Dolmen, canzone scelta per concludere il set) le note si compattano e divagano nei minuti trascinando la melodia su lidi "verdeniani". Il loro è un percorso che mostra le diverse sfaccettature di Amor Fou: delicati, passionali e rabbiosi. Il trucco sta nel conciliarle in modo da restituire un sapore agrodolce come nei brani Le promesse, Depedis e Cocaina di domenica.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati

Correlati:

www.myspace.com/amorfou