250 candeline per Mozart

Milano continua ad ospitare gli eventi per festeggiare la nascita del genio musicale

L’anno mozartiano è iniziato ufficialmente già da tempo: lo scorso 27 gennaio Wolfgang Amadeus Mozart avrebbe compiuto 250 anni. Anche nel processo profano di “santificazione degli artisti” si usa ricorrere alla data di nascita e non a quella della morte. 250 candeline da spegnere non sono affatto poco, pensando che all’alba del III millennio il compositore austriaco è ancora uno dei più amati e venerati in ogni parte del mondo: da Salisburgo, sua città natale, a Milano; da Londra a New York fino ad arrivare in Antartide. Anche la città di Milano si prepara a festeggiarlo alla grande, visto che la sua permanenza a singhiozzo nella nostra città ha dato vita a capolavori importanti.

Il giovane Mozart arrivò a Milano assieme a suo padre Leopold il 23 gennaio 1770. Il capoluogo lombardo si è rivelato per l’enfant prodige un’originale fonte di ispirazione, nonostante la critica tout court non sempre lo abbia messo in evidenza. Del periodo milanese si ricorda la messa in scena della prima opera lirica “Mitridate, re di Ponto” e la composizione di “Esultate Jubilate”; la trascrizione sul pentagramma del primo quartetto mozartiano, il KV80 ma anche momenti importanti della vita privata. Respirando l’aria meneghina – per fortuna la Milano settecentesca non era ancora afflitta dallo smog – Amadeus si innamorò perdutamente e fece incontri importanti con il Sammartini e il sopranista Venanzio Rauzzini.

L’anno mozartiano si prospetta pieno di eventi sparsi in tutto il capoluogo lombardo. Come mostre sono già state annunciate Le tracce di Mozart a Vienna (22 febbraio – 30 aprile, Auditorium Lattuada) e Mozart alla Scala (27 gennaio – 31 agosto, Teatro alla Scala). Per quanto riguarda opere, concerti e balletti, già se ne contano più di cento, diluiti fino alla fine del 2006. Il Teatro la Scala ospita Le Nozze di Figaro dirette da Gerard Korsten (7-25 febbraio);  Serata Mozart (9-23 giugno); Don Giovanni (10-30 ottobre e 3-12 novembre); e Ascanio in Alba (20 ottobre – 4 novembre).

L’Auditorium di Milano festeggia Mozart le performance dell’Orchestra Sinfonica Giuseppe Verdi di Milano sotto la direzione di Martin Haselbock (16-21 febbraio); i concerti per pianoforte e orchestra (5 marzo e 14 maggio). Nella Sala Verdi del Conservatorio parte il 16 marzo Festival Amadeus, un arcipelago di concerti promossi dalla United Europe Chamber Orchestra mentre il Teatro dei Filodrammatici ospita il Requiem nella trascrizione per quartetto d’archi di Peter Lichtenthal (19 marzo). Nel calendario mozartiano si si segnala anche la rassegna del Teatro delle Erbe dal titolo Progetto Mozart: Le opere italiane” (5 febbraio – 12 febbraio); l’iniziativa del Teatro dal Verme Viaggio con Mozart  che, nell’ambito della rassegna Pomeriggi in concerto, omaggia Amadeus con una serie di concerti programma dal 23 febbraio al 25 marzo.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati