Feste universitarie a Milano

Lifestyle

University Nights

Perchè all'università si va per studiare, ma soprattutto per divertirsi

L'università è fatta per accrescere culturalmente gli studenti, ma si sa che gli studenti lontano da casa i libri li vedono di striscio. La sera è decisamente meglio dedicarla a gironzolare per locali. E a Milano la scelta è ampia.

PETTINATI - La serata universitaria del Tocqueville 13 non smentisce il mood esclusivo ed elegante del locale. Tra sfilate, party, mostre fotografiche e presentazioni il locale è una vetrina aperta su tutto ciò che fa tendenza e non solo a Milano, un punto privilegiato di osservazione delle mode, dei suoni e delle attitudini che pulsano nella città. Trasformista per eccellenza il Tocqueville è capace di ospitare un affollato party di veline e calciatori e il giorno dopo un after in cui si respirano battiti house; quello che non manca è la ricercatezza e lo stile. Chic ed esclusivo anche il compleanno dell'Amnesia, che spegne sei candeline il 10 ottobre. La direzione dell'orchestra elettronica e minimale è di Raresh, Radhoo, Pedro. Il venerdì del locale non delude mai, e il 19 ottobre arriva dalla Germania Paul Van Dyk. Il produttore e dj si concede in una serata d'autunno, al limite tra elettronica e minimale senza nascondere l'anima dura e techno. Il venerdì continua ad essere danzereccio. All'Alcatraz dopo il dj set a cura di Notorius, la musica continua differenziata nelle tre piste: nella prima Dj Angelo da Radio Deejay, con musica revival, commerciale e R&B; nella seconda brilleranno il rock e lo ska delezionati da Mari Key e nella terza Dj Nick Pink vi riporterà nella meglio elettronica e new wave anni '80 e '90.

SCAPIGLIATI - Di tutt'altra eleganza il martedì dell'Atomic bar. La consolle è tutta per fata Morgana, la chitarrista delle Bambole di Pezza, che mette a disposizione la sua immensa conoscenza musicale per farvi scatenare sul dancefloor senza ritegno. La selezione conta tutti gli artisti seminali del rock come Elvis Presley e Chuck Berry, avventurandosi nella new wave con Siouxie and The Banshees, New Order e Joy Division, senza mistrattare il punk e le novità indie-electro Justice, Peaches e Klaxons. Avanguardia musicale potrebbe essere il loro motto, si tratta di People, il collettivo noto nella nightlife milanese per la sua selezione di qualità. Ogni sabato saliranno in consolle a Il Sottomarino Giallo un ospite d'eccezione, preceduto da Chico Rush, Sandiego o Lele Sacchi, a rotazione. L'11 ottobre pronto ad infiammare il dancefloor ci sarà Jamie Jones, dj e producer di fama internazionale originario del Galles e richiestissimo sulla piazza mondiale.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati