Intervista a Fernando Alonso

Il pilota ci svela la sua passione per la cucina

Arriva su una Maserati metallizzata Fernando Alonso, asturiano di Oviedo, due volte campione del mondo di Formula 1 e ora nella Scuderia Ferrari. E fa il suo ingresso al NHow Hotel di via Tortona, in pole position fra la folla di fotografi, giornalisti e professionisti del design. Perché è lì, in una settembrina serata meneghina? Per il lancio di una nuova collezione di piani da cucina di cui è testimonial e personal sponsor: la Silestone Sport Series firmata dal gruppo Cosentino, superfici in quarzo antibatterico e antigraffio che fanno di sicurezza, grinta, tecnologia e innovazione i loro punti di forza. E che ora si presentano nelle tonalità del White Platinum, del Cemento Spa e del Rosso Monza. Tutte dedicate a Fernando, ovviamente. Giovane pilota che anche noi abbiamo incontrato: sguardo pulito, fare rilassato, felpa e jeans. Mentre se ne sta seduto su una poltroncina red.

Fernando, per te che guidi sui circuiti mondiali cosa rappresenta lo spazio-cucina?
"È il piacere di tornare a casa. E il bello di stare a casa è anche quello di avere una bella cucina. Che sia comoda e funzionale ma anche sexy da guardare. La versione Rosso Monza di Silestone la apprezzo molto. E saranno in molti a gradirla".

Conosciamo la tua passione per il buon cibo. Ma qual è il tuo piatto preferito?
"La pizza. Indubbiamente. Ma amo pure il risotto alla milanese".

Due grandi classici italiani, insomma. E la ricetta che prepari per gli amici?
"Adoro cucinare la paella".

Due curiosità. Cosa mangia un grande pilota come te prima di una gara, per sentirsi in forma e non appesantito? E come festeggi una volta finita la corsa?
"Prima di una gara mi nutro in modo leggero: pasta in bianco oppure riso con olio e albume d'uovo. Terminata la sfida, invece, si fa festa tutti insieme, meccanici e piloti, con fragranti tranci di pizza".

Un tipo schietto e genuino Alonso, che preferisce i sapori semplici e le specialità della tradizione. E che sa ascoltare sia il suono di mestoli e padelle sia il rombo del motore. Che sia nato il novello adagio "uomo al volante cuoco costante"?

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati

Correlati:

www.silestone.com
www.cosentinogroup.net