Intervista

Intervista a Dj Cenere

Il remixer di Frangetta, "fenomeno" dell'estate 2007, dalle mani supersonike

Dj Cenere è il remixer di Frangetta dei Deboscio per Linus di Radio Deejay, il fenomeno dell'estate 2007. La sua versione si chiama Dj Cenere Darkness Remix, ha 29 anni ed è uno dj in maggior ascesa in questo periodo. Lavora in un importante studio di registrazione in via Mecenate (Starz), la zona dei loft milanesi più creativi.

Cenere, ìquando hai iniziato a fare il Dj e come si è sviluppata la tua carriera?
"Ho iniziato a 14 anni, suonando la domenica pomeriggio. Avevo uno spazietto di mezz'ora e proponevo la prima progressive. Non mi sono fatto conoscere grazie ai contatti, ma alla mia musica. Da allora è stato tutto un crescendo. Ho suonato e suono in mille club tra cui l'Hollywood, il Tocqueville, il Plastic e il Gasoline a  Milano, l'Ecu a Rimini, La Messa (after lombardo), al Casablanca e al Praia (Gallipoli, Puglia), Rave come l'Echo Vallet di Sharm El Sheik, in Egitto."

Che ruolo ha la musica nella tua vita e come ti vedono gli addetti ai lavori?
"La musica mi ha fatto piangere e ora mi fa ridere e star bene. Gli addetti ai lavori mi vedono giovane, vedono un ragazzino. Ma io già a 15 anni spendevo 300.000 lire la settimana in dischi e se mi saltava una serata erano guai. Solo più tardi ho imparato a distinguere tra persone serie e gente che non lo è..."

Come definiresti la tua musica in console?
"Non lavoro a testa bassa. Non penso al mio divertimento, o almeno, viene prima quello di chi sta ballando. Come generi musicali... apertura a 360 gradi. Ho avuto un'infanzia 
techno, oggi ascolto di tutto".

E cosa ci racconti a proposito della tua tecnica?
"Era il lontano 1994, dopo ore ore e ore di intenso e duro allenamento, improvvisamente le mie mani si muovevano a una velocità supersonika. Mi chiesi se era per merito mio o di quel pezzo di kriptonite ke avevo trovato nell'Happy Meals al McDonalds! Quando lavoro a una produzione musicale non mi fermo finchè non sento che il brano mi trasmette qualcosa. Penso a chi lo ascolta in macchina, ai dj e anche a chi lo deve ballare in pista!"

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati
  • ARGOMENTI