Intervista

Intervista a Chiacchierando con i Delta V

E' duro come la "pioggia rosso acciaio" questo quinto lavoro della band, ma anche dolce al punto giusto

Il 31 marzo è uscito l'ultimo album dei Delta V, "Pioggia rosso acciaio". Abbiamo chiesto a Carlo Bertotti le emozioni a caldo dopo questo quinto lavoro.

Se dovessi definire con un solo termine questo quinto album dei Delta V, "Pioggia rosso acciaio", quale useresti?
"Mah... è piuttosto difficile trovare una sola parola... Di sicuro è un album diverso dagli altri."

Perchè diverso?
"Beh, innanzitutto perchè siamo in 4 e non più in 3..."

Ti riferisci al ritorno di Francesca Tourè?
"Certo. Avevamo collaborato insieme in occasione del primo disco, "Spazio", del 1998. Poi abbiamo rotto: lei voleva sperimentare un po' di più, noi desideravamo realizzare un progetto senza voce e ci siamo mandati a quel paese. Adesso ci siamo reincontrati, ci siamo resi conto di essere sulla stessa lunghezza d'onda ed eccoci qua! Pura coincidenza."

Chi non ricorda la bella cover del successo di Mina "Se telefonando"? Pensi che i fan siano contenti di questo ritorno?
"Certo. Penso però che ogni cantante che abbiamo avuto, da Lu Heredia a Gi Kalweit, alla Tourè stessa, abbia avuto un suo pubblico affezionato."

Questa volta con Francesca sarà per sempre?
Non voglio sbilanciarmi, in questo momento credo in questo connubio, ma in futuro chissà... non posso dirlo. Abbiamo firmato adesso con un etichetta per 4 album, ma non voglio affermare con certezza niente."

L'importanza della cover nella vostra storia è evidente. Vi ha portato fortuna e quindi siete diventati scaramantici o è semplicemente il desiderio di reinterpretare pezzi altrui?
"Sicuramente la seconda. Ci piace lavorare ai pezzi che hanno composto altri, abbiamo fatto una cover ad album. In Italia c'è l'idea che fare cover sia riduttivo, invece io non la penso così. Effettivamente, però, devo ammetterlo, ci hanno portato bene!

"Ritornerai", in quest'ultimo album, è molto bella davvero! Addirittura avete ripescato Bruno Lauzi...
"La cover è come se fosse un pezzo nostro. Quando è uscita "Se telefonando", o anche, dopo, "Un'estate fa", molti dei nostri fan non sapevano fossero brani rispettivamente di Morricone e Mina."

Come suona questo disco?
"Più compatto e duro dei precedenti, grazie soprattutto all'ingresso nel gruppo di Fefo, chitarrista, ex-Almamegretta. Anche se il primo singolo, "Adesso e mai", è piuttosto dolce, e sarà dolce anche il prossimo, proprio "Ritornerai"."

Quando inizierà la tournèe? Sapete già quando approderete a Milano?
"Inizieremo con i live dopo l'estate, ma a Milano non so ancora quando."

Fefo era degli Almamegretta. Io, ironia della sorte, sto per andare ad intervistare Raiz... Da collega a collega, cosa pensi di quest'artista?
"Il disco solista non mi ha fatto impazziere, invece gli Almamegretta sono stati uno dei miei gruppi preferiti!"

"Ritornerai, lo so ritornerai" dal vivo. Per il momento però ci salutiamo e ci facciamo un grande in bocca al lupo!

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati
  • ARGOMENTI