Intervista Alex Gaudino

Intervista

Intervista a Alex Gaudino

Si racconta il dj italiano in vetta alle classifiche mondiali con "I’m In Love"

Un dj superstar in casa nostra. Ebbene sì: l'universo mondiale del clubbing non splende più solo con le luci di Bob Sinclair e David Guetta. Alex Gaudino, salernitano doc, ce l'ha fatta a varcare i confini del Bel Paese. Ed eccolo ora in cima alla dance chart di iTunes e in vetta alle classifiche di mezzo mondo. Con I'm In Love (I Wanna Do It), colonna sonora della scorsa estate.

Gli ingredienti del tuo successo?
"Ho 40 anni e sono dj da quando ne avevo 13 anni. All'inizio era una passione, poi mi sono esibito alle prime feste della scuola ed ecco la musica dance. Ero bravo e ho iniziato a mettere dischi nelle discoteche. Il successo è arrivato dopo lavoro, costanza e un pizzico di fortuna. Di certo anche il talento non mi è mai mancato."

Com'è Milano?
"Vivo da moltissimi anni a Milano, una città sempre in fermento, dove è impossibile stare fermi. Lo spirito è sempre vivo e propositivo. C'è grande attenzione alle innovazioni musicali e il mondo della moda dà il suo prezioso contributo."

La nightlife cittadina ti soddisfa?
"Ci sono pochi posti dove si sperimenta, ma sono buoni. Il Luminal Square, ad esempio, ha una programmazione musicale interessante, che varia ogni sera, spaziando fra molto generi. Senza dimenticare i Magazzini Generali e l'Amnesia, altri luoghi di innovazione e ricerca."

Un dj promettente nella scena del clubbing?
"Jason Rooney, che spesso lavora con me, è molto bravo nelle sue progressioni elettroniche."

I dj a cui ti ispiri?
"Non ho riferimenti particolari. Di certo amo molto, fra i dj del passato, David Morales, con la sua house, e Frankie Nichols,  per la verve elettronica."

La tua formazione?
"Ho sempre seguito la musica. Quando ho iniziato, internet era come se non esistesse, usavo il vinile. Oggi è cambiato tutto: la Rete è un accessorio fondamentale per l'aggiornamento musicale e per comunicare la propria arte."

Cosa provi quando sei in console?
"è una sensazione molto bella e ho la consapevolezza di aver realizzato il mio sogno. In realtà, sono famoso in tutto il mondo, ma la mia vita procede come prima..."

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati