Olympus Pen

Olympus Pen: quando il clic è vintage

A metà tra reflex e macchina digitale compatta il nuovo modello della casa giapponese

Olympus mette sul mercato una fotocamera che viene dal passato per guardare (e catturare in un clic) il futuro. Si chiama Olympus Pen EP-1 e nelle sue piccole dimensioni riunisce i pregi delle macchine reflex e delle compatte: da queste ultime arrivano i programmi di scatto diversi, le impostazioni manuali personalizzabili e la praticità. Dalle "sorelle maggiori" reflex eredita la qualità superiore del sensore a 12 milioni di pixel, ma soprattutto la possibilità di usare ottiche da cambiare a seconda delle esigenze per migliorare la resa nelle foto, contando su molti degli obiettivi che Olympus produce per i suoi modelli reflex. 

Non si tratta di una produzione che arriva a caso: con la Pen EP-1 (Euro 740,00) l
a casa giapponese reinterpreta infatti la macchina fotografica Olympus Pen che compie cinquant'anni. Debuttò nel 1959 e fino alla fine degli anni '70 ebbe un grandissimo successo, specie tra il pubblico femminile. Il design ha un sapore vintage, che evoca il "leica style", sulla scia di una tendenza da parte dei brand a reinterpretare i modelli passati, attualizzandoli.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati