High Tech

Addio a Raimondo Vianello

Milano e l'Italia salutano il gentleman della Televisione e del Varietà italiano. Sabato i funerali nella nostra città

Raimondo (Vianello) e Sandra (Mondaini), coppia inseparabile, nata per stare assieme nella vita come al di là del sipario o dello schermo televisivo. Raimondo e Sandra, ai tempi d’oro del varietà, quando una risata a crepapelle riusciva per un attimo a sbiadire i fucili e gli elmetti dell’Italia belligerante. Raimondo e Sandra, su quel carrozzone, con pochi spiccioli in saccoccia, su e giù per l’Italia, assieme a Tognazzi, Macario, Dapporto padre e Bramieri. Raimondo e Sandra, negli anni d’oro della Rai, la coppia media italiana su quel divanetto fatto su misura per loro che ribadiva  “tra moglie e marito meglio non metterci il dito”. Raimondo e Sandra, presenti all’appello nell’ascesa controversa della tv commerciale, alla corte del Biscione, beneficiari dell’elisir dell’eterna giovinezza.

ADDIO A RAIMONDO VIANELLO - Raimondo Vianello è morto, alla veneranda età di 88 anni, portandosi dietro la galanteria, l’eleganza e la nobiltà di un tipo di televisione e teatro che sembrano non essere stati di questa Italia, quella che se la canta nel nome del volgare populismo. Lo sono stati e come, perché dentro quel "bianco e nero" c’era la dignità e l’orgoglio dei nostri nonni, dentro il colore dei primi televisori il sogno policromatico dei nostri genitori. Noi figli, invece, ci ricorderemo di Raimondo Vianello ogni volta che, rovistando nell’oceano del web, condivideremo una sua battuta o una foto sulla nostra pagina di Facebook o ruberemo un suo sketch da YouTube per far sorridere chi ci sta accanto.

IL GENTILUOMO DELLA PORTA ACCANTO -
Sarà difficile fare a meno di quel suo humor tagliente; di quella sua timidezza languida, capace di addolcire chiunque; di quel suo invidiabile savoir-faire; di quella battuta spontanea che si infilava ovunque, senza mai ammiccare alla volgarità. L’ultima volta l’ho incontrato al teatro Manzoni di Milano in occasione di un omaggio a Gino Bramieri. Mi resta un sorriso e una stretta di mano, densi al punto da dire che Raimondo Vianello non se n’è andato per sempre. Raimondo e Sandra sono ancora lì e ci resteranno per tanto tempo ancora.
© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati