Storia di Halloween

Dall cavolo alla zucca: la paura passa attraverso le verdure

Perchè è nata Halloween e soprattutto cosa vuol dire la parola?
Come tutti sanno si tratta di una festa che ha origine nel mondo anglosassone durante il periodo dei Celti.
Quando finiva la stagione calda e iniziava l'inverno, i celti festeggiavano la ricorrenza in una tradizionale nottata in cui vestivano di arancione e nero: l'arancione simboleggiava la mietitura (quindi la fine dell'estate), il nero il buio dell'inverno. 

Il termine Halloween si crede derivi da "All Hallows Eve": la notte di ognissanti festeggiata il 31 ottobre, data in cui, secondo la leggenda, gli spiriti di persone morte durante l'anno, tornano indietro in cerca di un corpo da possedere.

Volete sapere perchè la zucca svuotata è il simbolo di Halloween?
Narra la leggenda che un sinistro uomo di nome Jack, a lungo tormentato dalle tentazioni di Satana, decise, in una notte di Ognissanti, di sfidarlo a scalare un albero sulla cui corteccia incise una croce. Satana rimase intrappolato e per scendere fece un patto con Jack: promise di non indurlo mai più in tentazione.

Quando Jack morì gli fu impedito di entrare in paradiso a causa della cattiva condotta avuta in vita, ma arrivato all'inferno Satana gli disse "mi hai raggirato e qui non entri. Eccoti un tizzone ardente. Con questo illuminerai il tuo cammino tra le tenebre!".
Per far durare più a lungo la fiamma Jack scavò un grosso cavolo e ve la pose all'interno.
Dalla rapa alla zucca il passo è breve: quando nel 1840 in USA furono scoperte le grandi zucche, le sostituirono al legendario cavolo e vi infilarono dentro le candele.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati