Prego, le cantine sono aperte!

Torna Cantine Aperte. E il vino si gusta fianco a fianco coi produttori

Indiscutibilmente, l'ambiente è uno degli elementi che influenza la percezione dei sapori. E grazie a esso immagazziniamo i nostri ricordi. Vuoi mettere l'esperienza di bere un vino direttamente in cantina, fianco a fianco con il produttore, magari mentre ti racconta tutti i segreti, la passione e l'impegno messi per realizzare la sua etichetta? Ecco, questo è quello che succede durante Cantine Aperte, manifestazione enogastronomica che coinvolge una rosa di aziende in tutta in Italia e nella vicina Svizzera, esattamente nel Canton Ticino.

BRIOSA LOMBARDIA - Sono 79 le maison lombarde che prendono parte alla kermesse, domenica 25 maggio, dando quindi l'opportunità di scoprire le numerose eccellenze del territorio. Come il San Colombano, unica doc milanese da uve croatina e barbera, in assaggio, ad esempio, presso la Cantina Pietrasanta, dove domenica è anche servito un pranzo preparato con prodotti locali, fra cui formaggio Raspadura e mondeghili (su prenotazione, Euro 22 a persona). Tante le cantine del Pavese, fra cui la Travaglino, elegante dimora immersa nel verde che propone un'ottima selezione di etichette. Non mancano diversi indirizzi in Franciacorta, come quello della Contadi Castaldi, e in Valtellina, quali Nino Negri e Pietro Nera dove sorseggiare eccellenti Sfurzat prodotti con uva chiavennasca.

UNO SGUARDO IN TICINO - E in Ticino? Schiudono le porte 65 cantine, non solo domenica 25, ma anche sabato 24, divise fra Luganese e Malcantone, Mendrisiotto, Locarnese, Bellinzonese e Valli. Da provare il Merlot, che in quelle zone viene vinificato in bianco. Merita un assaggio il "Bucaneve" della cantina Cagi di Giubiasco, una delle prime ad aver diffuso questa tecnica innovativa. Vale la pena visitare anche la piccola azienda Mondò per un sorso di "Iris" (Bianco di Merlot) e di "Nonu Mario" (bondola 100%): "è il vino del nonno, affettivamente legato alla memoria dei profumi di un'uva pigiata con i piedi nell'infanzia".

IL VINO È SOCIAL - Fino al 22 maggio, chiunque può partecipare al contest nazionale #suonodabere. Per partecipare, basta twittare un territorio, una denominazione o un vitigno in abbinamento al titolo di una canzone o un gruppo musicale, indicando tre aggettivi che ne spieghino le affinità. Il 25 maggio il Movimento Turismo del Vino premierà i tre tweet più interessanti, che vinceranno un weekend per due persone in cantina.

DEGUSTAZIONI NO LIMITS - In Lombardia, Cantine Aperte è in programma domenica 25 maggio. Le strutture sono aperte dalle 10 del mattino alle 18. Per partecipare basta acquistare in una delle cantine aderenti il "kit dell'Enonauta" (Euro 10). Si riceverà un calice che farà da pass per tutta la giornata dando accesso a tutti i banchi d'assaggio (le attività extra, per esempio i pranzi, non sono incluse). In Ticino, Cantine Aperte è il 24 e il 25 maggio e non occorre acquistare alcun pass.

Qui l'elenco completo delle cantine in Lombardia.
Qui l'elenco completo delle cantine in Ticino (Svizzera).
© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati