C'è l'haute couture. E l'haute gastronomie. Lo sa bene Dany Stauffacher, ideatore della prestigiosa kermesse gastronomica Sapori Ticino: festival del gusto e della perfetta mise en place, che ha come palcoscenico il territorio ticinese. "Un evento rivolto agli amanti della cucina, sempre alla scoperta di nuove tendenze golose e del lusso della tavola", afferma Stauffacher. Orgoglioso di festeggiare il primo lustro della manifestazione, che quest'anno delizia i gourmet dal 3 aprile al 22 maggio, con nove cene e quattro pranzi in calendario.

SETTE CANTONI PER SETTE CHEF - Se il tema del 2010 è stato "Le grandi donne chef", questa volta si punta sulle eccellenze elvetiche: per sette sere, il Ticino ospiterà sette grandi chef presenti nella guida Grandes Tables de Suisse, provenienti da altrettanti cantoni, tra i quali Ginevra, Zurigo e Friburgo. Al fianco degli chef resident di prestigiosi alberghi, come l'Eden Roc di Ascona e Villa Principe Leopoldo di Lugano, si uniranno gli special gest, pronti a realizzare a quattro mani un luculliano banchetto, sintesi di rigore svizzero e selezione dei migliori prodotti non solo del territorio, ma anche esotici. Succede così che al Seven di Ascona la sapienza di Ivo Adam incontra la manualità dello chef molecolare Danis Martin e che allo Splendid Royal di Lugano, Alessio Rossi crea con la complicità dello stellato Pierre-André Ayer. Data di partenza? Il 3 aprile, giorno in cui nella cucina di Marco Ghildi, al Grand Hotel Eden di Lugano, si riuniscono tutti i cuochi ticinesi in occasione del gran gala di apertura. Mentre il finissage va in scena a Ligornetto, nelle suggestive cantine di Vinattieri Ticinesi, in compagnia di tutti i resident chef e di Silvio Galizzi, patron del ristorante Al Portone di Lugano.

SAPORE DI SVIZZERA A PRANZO - Da questa edizione, anche a mezzodì è tempo di Sapori Ticino. Solo quattro gli eventi e tutti di sabato (9, 16, 30 aprile e 21 maggio). Al giovane Galizzi l'onore di inaugurare questo nuovo ciclo. Seguono poi Alessandro Fumagalli alla Villa Saroli di Lugano; Stefan Nowaczyk al Seven Easy di Ascona; fino a salir su, sino a Bellinzona, da Lorenzo Albrici executive alla Locanda Orico di Bellinzona.

FRANCAMENTE - Il prezzo delle cene è 300 Franchi (circa 240 Euro), i pranzi costano 85 Franchi (circa 65 Euro). In entrambi i casi vini e cognac sono inclusi.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati