Fuori Porta

Bormio, la Pasqua e le terme

Vacanza Bormio, tra antiche tradizioni e momenti di benessere

Tra le antiche tradizioni pasquali lombarde, si annovera quella dei Pasquali di Bormio, in Valtellina. Di cosa si tratta? È una suggestiva cerimonia religiosa e folkloristica che si svolge durante la Domenica di Risurrezione, quest'anno il 20 aprile. 

LA TRADIZIONE - Al suono delle campane in festa, una processione di pastori e pastorelle, vestiti con l'abito tradizionale (rosso, bianco e nero), trasporta lungo le vie del paese i "Pasquali", ovvero portantine allegoriche sorrette sulle spalle. Un tempo si sfilava con gli agnellini vivi, simbolo del sacrificio. Oggi invece si marcia con sculture o comunque oggetti a sfondo religioso. Tutte le allegorie vengono poi benedette, esposte in piazza e valutate da una giuria che premia la migliore creazione. Si tratta di un evento molto sentito in Valtellina, capace di attirare non solo l'attenzione del pubblico locale ma anche di turisti stranieri.

VACANZA FUORI PORTA - Per vivere a pieno le tradizioni della Valtellina e regalarsi qualche giorno di benessere, QC Terme Bagni di Bormio lancia una proposta vacanza molto interessante, proponendo dei soggiorni da quattro notti al prezzo di tre. I pacchetti, a partire da 420 Euro a persona in camera doppia (arrivando il venerdì), includono la prima colazione e l'accesso illimitato ai due centri termali, Bagni Vecchi e Bagni Nuovi, che vantano più di 70 rituali del benessere, fra cui sauna, bio-sauna, bagno turco, hammam, cascate termali massaggianti, docce di Vichy (getti d'acqua che arrivano stando distesi sul lettino). E ancora fanghi con essiccatoio, doccia scozzese dalle proprietà tonificanti, idromassaggi, vasche sensoriali e sale relax.
© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati