Una stella fra le stelle

All'ultimo piano della Diamond Tower la cena si fa effimera e gourmet

Non è ancora stata inaugurata ufficialmente, ma fa già parlare di sé. È la Diamond Tower, cristallina creatura di ventisette piani che illumina lo skyline di Porta Nuova, quartiere meneghino in evoluzione dalla forte vocazione internazionale, simbolo della Milano che cresce, che crea e che non si ferma mai. Ecco allora che dal 20 al 26 febbraio, durante la Fashion Week, all'ultimo piano della torre progettata dallo studio Kohn Pederson Fox Associates prende vita Krug En Capitale, esclusivo temporary restaurant che porta la firma della prestigiosa Maison de Champagne.

Il "Ristorate Effimero" approda a Milano dopo le due edizioni parigine del 2011 e del 2012 con gli chef Arnaud Lallement e Emmanuel Renaut e per l'occasione vede protagonista la cucina dello stellato Enrico Bartolini del ristorante Devero di Cavenago di Brianza. E così, per una settimana, il cuoco si trasferisce in alta quota con la sua brigata, mentre quaranta persone a sera possono vivere un'esperienza unica e irripetibile, prima che la torre di 130 metri venga consegnata ai proprietari degli uffici ospitati al suo interno. Il programma à manger? Tre menu appositamente ideati dal maître cuisinier, in abbinamento agli champagne Krug Grande Cuvée, Krug Rosé e Krug 2000. Tre percorsi che coniugano l'eccellenza gastronomica italiana con i sentori freschi e raffinati delle pregiate bollicine e che reinterpretano la tradizione lombarda con uno sguardo moderno e originale. Ed ecco che il cannolo fragrante profuma di cassoela, il riso alla milanese soffiato diventa uno sfizioso finger food e la pasta all'uovo si fa soffice. Mentre piatti come le alici in carpione o il maialino croccante con scalogni si trasformano in vere e proprie composizioni artistiche. Portate che fanno toccare il cielo con un dito. Anzi, con un flûte.
© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati

Correlati:

www.krugencapitale.it