Tavole animate

Cibo, musica & Co: quando la cena è un colpo di scena

Al ristorante si va per mangiare. E per mangiare bene, ovviamente. Ma Milano fa tendenza, si sa. Cosicché molti ristoranti, oltre a soddisfare la gola, si animano per intrattenere, ideare e creare, cullando anche gli altri sensi. Meritano quindi una segnalazione questi coraggiosi portavoce di un novello modo d’intendere l’appuntamento con la prelibatezza. 

L'Anadima, colorato bistrot vintage-chic sui Navigli, ha scelto la via delle degustazioni dei vini doc, con esposizioni d'arte legate alle cantine ospitate, assaggi di formaggi e sperimentazioni culinarie, come le cene a base di cioccolato o al vino rosso. Prossimo evento da non perdere: "Anadima e polvere di stelle", in cui cibo e zodiaco focalizzeranno i loro punti in comune. A dimostrarlo sarà Susy Grossi, astrologa ed enogastronoma, iscritta all'associazione Cordons Bleus e pluridiplomata alla scuola Altopalato di Milano. Per la serata proporrà un "Menu Cosmico" con piatti abbinati ai quattro gruppi zodiacali. Potremo scoprire i diversi modi di mangiare in base all'appartenenza ai vari segni d'Aria, d'Acqua, di Terra e di Fuoco. I piatti saranno abbinati ai vini della cantina Colli a Lago di San Martino della Battaglia, sul Lago di Garda. Nel corso della serata l’esperta di stelle sarà a disposizione di tutti gli ospiti per rispondere con l’oroscopo personale a curiosità e domande su come vivremo gli ormai vicini mesi estivi.

Dai Navigli ci spostiamo in zona Parco Sempione. Ecco che per la bella stagione il Panama Cafè, cucina eccellente e creativa, vivacizzerà il dopo ufficio con "Panama&Cocktail". Tutti i mercoledì live music e dj set e, da gustare dalle 19.00 alle 22.00, prelibati assaggi mediterranei: medaglioni di cipolla e patate, polpettine di verdure, frittate ai mille colori e, per palati incontentabili, i cestini a base di pasta, verdure, riso, orzo e farro.

Un tuffo nell'atmosfera dei favolosi Sixty lo potete fare al MondoBeat Ristosound di Buccinasco (appena fuori Milano). All'esterno del cascinale dell'800 campeggiano le statue dei cantanti e le auto d'epoca; all'entrata un'enorme parete per gli autografi degli ospiti famosi. Al centro del locale, il palco, dove periodicamente i ricordi rinverdiscono in un susseguirsi frenetico. Sul palco di Mondobeat si sono già esibiti i grandi di quel periodo, dai Camaleonti a Don Backy, a Mal, ai Giganti, ai New Trolls ed ancora Renato dei Profeti, Homo Sapiens, Ricky Gianco e Shel Shapiro. Ad ogni concerto con un big lo chef, Loredana Piacentini, coniuga un piatto tipico all’artista della sera. Il 24 giugno non perdetevi il Beatles Day.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati