Mosto a primavera

Freschi, leggeri e delicati: ecco i novelli piatti de Il Mosto Selvatico

Pesce. Tanto pesce. E poi ortaggi, erbe aromatiche e creatività quanto basta. Affinché le ricette siano equilibrate, delicate e armoniche. Il menu messo a punto da Nicola Colella, chef de Il Mosto Selvatico, per la primavera sono un inno alla freschezza: carpaccio di mare con gamberi e scampi di Santa Margherita Ligure; tartare di rombo e gamberi rossi di Gallipoli con bottarga di muggine; pici all'astice; taglierini con polpa di riccio e gamberi rossi di Mazara del Vallo; filetto di rombo con cipolle caramellate e puré al basilico; gamberi spadellati con fagioli cannellini al rosmarino e peperoncino; e scampi con scalogni glassati all'aceto balsamico su crema di patate. Senza dimenticare il saggio utilizzo delle verdure e delle tipicità di Puglia (viste le origni di Nicola): asparagi alla parmigiana con Prosciutto di Parma e stracciatella di Andria; crema di broccoletti con tonno e bottarga di muggine; vellutata di asparagi con ostriche al Sauternes; e paccheri con broccoletti, ragù di coniglio bianco e stracciatella di Andria. Per una stagione leggera.
 
© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati