Food

L'insolita insalata

Da puro contorno a piatto unico, con tanti ingredienti appetitosi in abbinamenti curiosi

Ne è passato di tempo da quando Maramao l'insalata aveva nell'orto. Ma ancora oggi la buona misticanza condita con olio, limone o aceto rimane uno dei contorni più gettonati. Soprattutto con la bella stagione. Anzi, talvolta si fa talmente ricca che diviene essa stessa pasto. Unica condizione? Mixare saggiamenti gli ingredienti.

LE STORICHE - Più di venticinque anni fa fu uno dei primi ristoranti a lanciarle. E continua a proporle sia a pranzo che a cena. Il Verdi offre una quarantina di insalatone, preparate con carne, salumi, uova, formaggi, verdure cotte e crude e persino frutta. Della serie, ce n'è per tutti i gusti, anche per chi vegetariano non è. Tanto, sceglierle è davvero semplice, raggruppate come sono a seconda dell'ingrediente principale. Ecco qualche assaggio. A base di pollo, come la Sfiziosa (pollo, asparagi, uova, rucola e maionese) o la Ortomare (pollo, polpo, patate e maionese). A base di pesce, come la  Delicata (pompelmo e polpa di granchio). A base di latticini, come la Colorata (bufala, avocado, mais e pomodoro). A base variegata, come la Tuttafrutta (kiwi, pompelmo, ananas, mela, noci e mandorle). La più esclusiva? L'imperiale: pesce spada al vapore, granchio, gamberi e maionese.

LE SCOMPOSTE - Arrivano al tavolo in orizzontale, servite su un piatto da portata con tutti gli ingredienti ben divisi. Per assaporarli uno a uno o mescolarli al momento. Al Demetria Cafè le insalate sono scomposte e spesso realizzate con prodotti biologici. Per un genuino degustare, a ogni ora del giorno e della sera. E allora via con le delizie a base di carne: Verona (dadolata di tacchino e verdure di stagione); Cortenova (manzo affumicato, caprino alle erbe e verdure grigliate); nonché le due nuove nuove con bresaola, pompelmo rosa, insalata e pepe macinato fresco, l'una, e carpaccio di manzo, insalata e pomodorini, l'altra. E poi di pesce: Framura (tonno, uova sode, insalata, acciughe e avocado); Cogoleto: (tonno affumicato, fagioli cannellini e insalata); Panzanella di mare (con marlin); e Portopalo (salmone, sedano di Verona e limone). Infine, di formaggio: Bresciacentro (pere, Brescianella stagionata, noci e indivia); Mondovì (caprino fresco Piemonte e verdure grigliate); Ravello (bufala, pomodori e basilico) e quella con con burrata, erba cipollina, insalata verde e rapanelli. 

SANA PAUSA - Alla fame non si comanda, e, oltre al Demetria, ci sono altri localini dove gustare salad mix senza far caso all'orologio. A La Malmaison Cafè, per esempio, fra tinte violette e oggetti di antiquariato, si può mangiare fino alle 21. E il menu contempla pure tre aristocratiche insalate, condite con vinaigrette: Josephine (polpa di astice, songino, rucola e paparella); Napoleone (gamberi, spinaci, misticanze, mango e pinoli tostati); e Rinascimento (avocado, datterini e carciofi). Per un tuffo nel design, invece, si può andare al Bistrot Bovisa, dove la cucina è in funzione da mezzogiorno fino all'una di notte. Da provare? Insalata di puntarelle, acciughe, pepe e limone; belga, Parmigiano Reggiano riserva, mele, noci e limone; e moscardini, ceci e pomodorini.

MIX MEX - La ciotola? Non c'è. Al suo posto compare una fragrante tortilla di farina di grano fritta che funge da contenitore. Succede a cena al Masquenada, cucina messicana e tutta l'atmosfera di un villaggio mex, quando lo chef Juan prepara le ensaladas: Juan (cuore di palma, gamberetti, ananas e insalata mista) e Masquenada (polpo a pezzettini, patate, mais, fagioli e coriandolo). Le tortillas vengono invece portate a parte se si ordina la fajitas salad: listarelle di pollo marinate e cucinate alla piastra, servite su un letto di insalata, pomodori e cetrioli.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati