Manichini, c'è tutto un mondo intorno

La Rosa e l'anima artistica delle materie plastiche: creatività  e ambiente

Quando camminiamo per strada e ci fermiamo davanti alle vetrine non li notiamo subito: veniamo attratti dal particolare di una gonna, dal luccicare di un tessuto, dalla borsa appesa. Eppure se gli abiti risaltano così tanto è merito loro. Seguono le linee dei capi e ce ne regalano un'anteprima: i manichini sono indubbiamente un ausilio prezioso per tutto il fashion system. La Rosa se ne occupa dal 1922, tra ricerca artistica e attenzione allo sviluppo tecnico e con una particolare attenzione alla creatività. A parlarne Mattia Rigamonti, CEO, ovvero chief executive officer.

MANICHINI IN EVOLUZIONE - "Si determina in sinergia con le esigenze e la cultura dei nostri interlocutori" -spiega Mattia- "ora la tendenza è per la completezza." Per questo motivo l'offerta è molto vasta: spazia dai manichini naturali che propongono la figura completa di trucco e parrucco ai busti essenziali. Per un'esposizione dalla testa ai piedi ma senza fronzoli ci sono i manichini con testa modellata oppure i manichini senza testa per i clienti che non hanno necessità di esporre anche cappelli. Qualche particolarità: la linea di manichini alternative che va dai modelli trasparenti ai modelli appesi al soffitto e la linea accessori, tra cui magnifiche gambe accavallate, indicate per l'esposizione di calze e collante. "Spesso ci vengono richiesti anche dei manichini artistici da utilizzare per presentazioni speciali, ad esempio abbiamo realizzato dei manichini "danzanti" che suggeriscono l'idea del movimento e della dinamicità. Si nota che cresce la richiesta di taglie maschili più minute, come la 46".

IL MERCATO DI MILANO E INTERNET
- "Nel milanese operiamo sia con le grandi catene distributive che con le boutique degli stilisti, ma non mancano progetti con piccole realtà. Indubbiamente il mercato di Milano ha l'apice della sua vivacità durante le settimane della moda e nelle presentazioni alla stampa, per continuare poi in manifestazioni come il Salone del Mobile." Continua Rigamonti, che, per quanto riguarda internet, ne riscontra l'utilità per comunicare con i clienti, anche se al momento la ditta non ricorre all'e-commerce.

UN IMPEGNO ECO - "Durante le nostre ricerche sulle materie utilizzate per i manichini ci siamo imbattuti in una nuova materia plastica cristallina che con le sue irregolarità ricrea gli effetti del ghiaccio. Inizialmente questo materiale veniva utilizzato per decorare gli allestimenti degli stand di La Rosa Italy durante le fiere, nel 1998 è sfociato nella linea di complementi design Sturm und Plastic. La plastica utilizzata per questi prodotti è riciclabile, mentre la plastica utilizzata per i manichini è sia riciclata che riciclabile. Sono stati messi a punto coloranti e plastiche antiurto che hanno un impatto vicino a zero con l'ambiente e che garantiscono un riciclaggio con assenza di scarto". Nel concreto questo ha significato adottare l'energia alternativa ed eco compatibile dei pannelli solari per la produzione di energia elettrica finalizzata alla gestione produttiva degli stabilimenti, ma non solo. Polveri, solventi e fumi generati dal processo di verniciatura sono recuperati dall'mpianto di post-combustione che riduce le emissioni nocive del 94%.
© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati