Maddalena Triggiani

Il rock romantico veste Miss Mondo Italia, a Milano

News - Fashion System
Nel mese di febbraio si stanno tenendo a Milano le selezioni per Miss Mondo Italia 2010. Dopo le selezioni all'Old Fashion e al Cafè Atlantique, il 26 febbraio ecco le finali regionali al The Beach. A vestire le giovani aspiranti miss è Maddalena Triggiani, talento emergente dallo stile romantico rock. Ce lo racconta.

SULLE ORME DELLA NONNA – "Mia nonna faceva la sarta, cuciva abiti da sposa. Con il suo esempio è iniziata la mia passione e fin da subito ho disegnato e realizzato abiti" racconta Maddalena “fino a partecipare a un concorso per stilisti alla trasmissione Non è la Rai con la mia prima collezione donna firmata con il mio nome". Nel 2004 nasce il marchio Maddalena Triggiani che raccoglie molteplici collezioni: pret-à-porter, haute couture, wedding dress e linea uomo.

CINEMA, ARTE E MUSICA ROCK
- "La principale ispirazione di tutte le mie collezioni – prosegue Maddalena – nasce dalla cinematografia contemporanea, oltre che dall’arte e dalla musica rock". Per la scultura il suo preferito è Canova, le cui linee armoniose hanno guidato un'intera collezione. Il pittore più amato è Van Gogh. Al dipinto Notte stellata è dedicato un abito che in un vortice di swarowski ricrea l'effetto della luna e delle stelle della tela. Il rock melodico invece esprime l’essenza di molti abiti di Maddalena, con una personalità forte ma allo stesso tempo dolce, aggressivi ma con delle note romantiche che raccontano una donna sensuale ed elegante.

ROMANTICISMO, CATENE ED ECOPELLE – Oltre che stilista, Maddalena è anche modellista e realizza personalmente i primi modelli. Gli abiti da sera ricordano le creazioni per la regina Maria Antonietta, aggiornate con profondi spacchi e corpini bustier decorati da catene e perle. Le ampie gonne hanno una struttura in crinol e sottogonne di tulle, mentre i corpini sono rigidi grazie a stecche, ganci e nastri. Completano l'opera swarowski applicati a mano con disegno speculare e plissè incrociati per un totale di 400 ore di lavoro per ogni abito. Originale l'abito dea serpente: ispirato al periodo etrusco, è a forma di sirena e le coppe dell'abito sono tempestate da pietre rosse che vanno a formare gli occhi del serpente. Lungo la siluette pitone ricamato, tulle elasticizzato e uno strascico in seta tinto in capo, ovvero dopo che l'abito è stato cucito. Le collezioni sono acquistabili online sul suo sito.
© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati