I gioielli a Milano

Tra materiali non convenzionali e pietre dure il bijou diventa scultura, perchè non è solo l'oro che rende un gioiello prezioso.

Elemento imprescindibile per completare un abito è il gioiello, un filo di perle, un collier d'oro. Però un bijoux creato ad arte esalta la personalità in modo più incisivo e originale. Basta cercare tra le boutique e i laboratori di Milano per trovare un gioiello che utilizzando materiali non convenzionali risulta ugualmente, o forse, ancora più prezioso.

COLORI - Una delle più belle vetrine di via Manzoni appartiene a Pellini, e si distingue per gli incantevoli gioielli. Costituiti da pietre dure e semipreziose con resine multiformi, esprimono il gusto raffinato e l'inconfondibile senso del colore di Donatella Pellini. Un vecchio banco viennese espone i pezzi unici realizzati a mano, che evocano suggestioni mitteleuropee. L'altro suo atelier in via Morigi, 9 oltre alle creazioni di Donatella, espone l'archivio dei bijoux realizzati tra gli anni '50 e '70 dalle donne della sua famiglia. Più allegro e frizzante è Mon Bijou, richiamando l'ambiente delle gallerie d'arte con cornici appese alle pareti e nicchie seminascoste in cui si rivelano i gioielli. Il colore predominate è il verde, che ben rappresenta la creatività e positività di Alessandra Moro. Nelle sue collezioni si trovano linee semplici e pulite, colori pastello così come colori accesi. Le pietre sono abbinate a materiali preziosi o semipreziosi in un gioco di raffinata bellezza.

SCULTURE – Le creazioni di Pilgiò nascono dall'esperienza e dalla fantasia esuberante di Antonio Piluso. Abbinando nobili metalli a materiali comuni quali il ferro, l'acciaio e il bronzo, Piluso ama definirsi muratore del gioiello. Non a caso proprio ai muri diroccati e fatiscenti si ispirano le sue creazioni, ideate con la sorella Giuseppina, pittrice e scultrice. Matteo Brusaferri nel suo laboratorio/negozio crea i suoi gioielli dietro uno splendido separé d'agave. L'arredamento dello spazio esprime il gusto originale per la contaminazione tra antico e moderno che si riflette nelle sue creazioni. Brusaferri predilige la lavorazione dell'argento raggiungendo sorprendenti effetti di superficie. Nascono così delle piccole sculture, di forma geometrica o astratta, componibili in diversi abbinamenti.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati