Costume National

Il ritorno dei poeti maledetti

Per Ennio Capasa, designer di Costume National, il 2006 è un ritorno al romanticismo con le sue valenze elegantemente asciutte e moderne.
Modello d'ispirazione è il romanticismo dei poeti francesi (Baudelaire e Rimbaud) e inglesi (Byron e Shelly).

Nel SuperStudio di Via Tortona l'eleganza è visibile nelle giacche aderenti fatte a mano, nei cappotti e soprabiti in cashmere, nei giubbotti  e gilet d'ispirazione ottocentesca, nei pantaloni a vita bassa con grandi cinture e nelle camicie senza collo oppure con colli a sciarpa dalle venature trasparenti.

I colori spaziano dalle gradazioni del grigio al nero, dal beige a cammello, dal rosso sangue al bordeaux. I tessuti sono quelli caldi e morbidi del cashmere e della lana, anche se non si disdegna la seta e la nappa. Tra gli accessori scarpe a punta lunga, stivaletti, cinture, bombette alla "Verlaine", sciarpe e catenelle dorate.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati